Il presidente del consiglio dei ministri Mario Draghi ha convocato d'urgenza il Comitato tecnico scientifico nella mattinata del 9 marzo. L'argomento del giorno: le possibili nuove restrizioni per affrontare l'ormai imminente terza ondata da Coronavirus. Infatti, il Governo italiano ha capito che c'è bisogno di una nuova stretta il prima possibile e quindi sta pensando a come poter intervenire.

Il nuovo Dpcm in vigore da sabato 6 marzo potrebbe essere modificato entro questa settimana. Al momento tra le varie ipotesi c'è l'idea di un possibile lockdown nei fine-settimana o chiusure mirate nelle zone in cui sono già chiuse le scuole.

Il Cts aveva già chiesto un intervento deciso del governo

Come è ormai noto il virus sta continuando a correre, ma a preoccupare ancor di più sono le varianti e la campagna di vaccinazione che non è ancora decollata del tutto nel nostro paese. Inoltre i 100 mila morti a causa del Covid-19 pesano tantissimo ed è chiaro che ora Draghi potrebbe prendere delle decisioni ancor più stringenti per uscire al più presto da questa brutta situazione.

Proprio per questo motivo il premier italiano ha convocato d'urgenza questa mattina il Cts e ci potrebbe essere un nuovo Decreto del Presidente del consiglio dei ministri o una modifica di quello in vigore da sabato 6 marzo. L'obiettivo dell'incontro potrebbe essere quello di una nuova stretta, che potrebbe essere denominata super zona rossa.

In ogni caso le possibili nuove misure restrittive che verranno applicate, andranno incontro al Comitato tecnico scientifico che dopo l'ultimo monitoraggio dell'Iss di venerdì 5 marzo aveva già chiesto un intervento del governo in maniera decisiva, prima che la situazione possa sfuggire di mano.

Lockdown nel weekend tra le ipotesi

Al momento sulle nuove misure che potrebbero essere apportare non c'è alcuna certezza e siamo ancora nella fase delle ipotesi, però ci potrebbe essere un'ulteriore stretta. In particolare spunta l'idea di lockdown in tutta Italia però solo nei weekend; la chiusura di tutti i negozi e di qualsiasi altra attività nelle zone in cui sono già chiuse le scuole; lockdown totale nei territori in cui la soglia d'incidenza individuata dagli scienziati venga superata.

Con il nuovo incontro odierno, il Comitato tecnico scientifico chiarirà al premier Draghi la situazione epidemiologica attuale del nostro paese. E poi entro la fine di questa settimana dovrebbero arrivare le nuove misure per fermare le nuove varianti ancora più contagiose