Con il rinnovarsi delle generazioni e con l'avanzare della ricerca e dei servizi informatici regalati dalla moltitudine di app offerte in rete, ecco lentamente scomparire, grazie al 'fantomatico' Doctors Google, il sapiente Medico di famiglia. Certamente non amato da tutti, sopratutto dai più piccini, il medico è quella figura di supporto che, oltre ad ascoltare la lunga lista di sintomi e dolori accumulati prima dell'incontro, in maniera saggia ed esperta è capace di rilevare i nostri problemi di Salute, dando il suo verdetto e consegnando, dopo averci tranquillizzati, la ricetta per curare i nostri veri o presunti mali.

Google sostituisce il medico

Oggi sono in tanti a servirsi della rete e del motore di ricerca Google, quando compare qualche sintomo o malanno che stranamente non si riesce a spiegare. Nell'era dell'informazione globale, l'istinto propende a disfarsi dell'obsoleto medico di famiglia, che sempre più spesso, forse causa le obbligazioni impostegli dal SSN, contrasta con il male che crediamo di avere, rifiutando saggiamente il nostro incerto responso. Allora chi meglio del Doctors Google per diagnosticare quello che noi stessi crediamo di avere? Entriamo in rete, cerchiamo la parola che s'adatta al nostro male, leggiamo i sintomi che l'affiancano e dopo averli attentamente analizzati li facciamo 'nostri' e prendiamo in carico i consigli per curarlo.

Niente di più sbagliato. Perché? Vediamo i rischi della salute fai da te.

Salute, i rischi di Doctors Google

I grandi utilizzatori della rete e del responso facile dato da Doctors Google, piuttosto che dal medico di famiglia, sono il 96% dei laureati contro il 25% di quelli che hanno ottenuto la licenza elementare. Alla fine chi si affida quasi totalmente, invece del proprio medico di base, al responso del nostro fantomatico Doctors Google, sono il 44% degli italiani che non hanno presente i rischi cui incorrono per l'innata fiducia.

Le diagnosi che compaiono sulla rete sono infinite e simili a quelle che diagnosticano tante altre malattie, quindi non è detto che i sintomi che percepiamo debbano essere per forza associati alla presunta patologia che siamo convinti di avere. Non è certo che i farmaci indicati per curarci siano idonei alla stessa presunta cura.

Si è, più di un medico esperto, capaci di riconoscere la moltitudini di sintomi e patologie che vogliamo consultare in rete? Il consiglio? Si all'informazione internet, ma prima della salute fai da te, è meglio consultare il saggio 'vecchio' medico di famiglia.