Il più noto digiuno intermittente è quello del mese di Ramadan, praticato da milioni di musulmani, che si astengono per tradizione religiosa dall’assumere calorie e acqua, dal sorgere del sole al tramonto, per 12 ore al giorno. Ma non è il solo. Ultimamente si sente parlare di altri tipi di digiuno, che non richiedono restrizioni di acqua e non hanno connessioni con la religione.

Ne hanno parlato i ricercatori della Universidade Federal de Uberlândia (Brasile), in un lavoro pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition nell’aprile 2018.

Pubblicità
Pubblicità

In ben 11 studi clinici condotti sul digiuno intermittente è stata riscontrata una riduzione della massa grassa e del peso corporeo tra 1.1 e 6.5 kg già dopo 1 mese di dieta. Un miglioramento del profilo lipidico è stato osservato in soggetti sani, obesi e dislipidemici, in termini di diminuzione del colesterolo totale, LDL, trigliceridi e aumento dei livelli di HDL. Può risultare, dunque, un regime terapeutico valido per prevenire le malattie cardiovascolari, il diabete e l’obesità.

Pubblicità

Tipi di digiuno

I primi studi epidemiologici sul semi-digiuno furono condotti da Ancel Benjamin Keys, biologo statunitense che arrivò a dimostrare i benefici di questo tipo di dieta contro l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Sono attualmente numerosi i metodi nutrizionali basati sul digiuno intermittente: i più noti sono composti da 5 giorni di alimentazione non controllata e 2 di semi-digiuno a base di liquidi, verdure e frutta; oppure da un digiuno giornaliero di 16 o di 20 ore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza Corretta Alimentazione

In questi casi l'organismo incrementa l'utilizzo dei grassi a scopo energetico, vengono modulate le curve ormonali, si mantengono bassi i livelli di insulina e si abbatte l’infiammazione cronica di grado lieve presente nel soggetto obeso.

Meccanismo di azione

Durante il digiuno intermittente è stata osservata l’attivazione di alcune proteine (PGC1alfa e recettori PPARalfa), regolatori chiave del metabolismo lipidico ed energetico e della perdita di massa grassa.

L’aumentata espressione di queste proteine provoca una maggiore ossidazione degli acidi grassi nel fegato, un minore accumulo di trigliceridi negli epatociti (cellule del fegato) e nel sangue, un decremento della lipoproteina a densità molto bassa (Colesterolo VLDL) e il potenziamento del colesterolo HDL (buono).

In soggetti obesi, è stata rilevato anche un calo di citochine infiammatorie (IL-2, IL-8 e TNFalfa) nel sangue, suggerendo che il digiuno intermittente possiede un effetto antinfiammatorio e disintossicante.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto