In un recente studio condotto dal Koch Institute for Integrative Cancer Research, affiliato al Massachusetts Institute of Technology di Cambridge, pubblicato sul giornale "Advanced Materials", è emerso che l'azione dei probiotici, associata ad una terapia antibiotica, può contrastare i super batteri, rimuovendo ogni traccia di agente patogeno nelle infezioni cutanee.

Il rivestimento di alginato della capsula ha evitato che l'attività non selettiva degli antibiotici potesse distruggere i batteri probiotici, annullandone l'azione benefica.

Pubblicità
Pubblicità

La ricerca per evitare l'antibiotico-resistenza

I batteri probiotici hanno proprietà salutari per l'organismo: sono presenti nella flora intestinale, dove contribuiscono a contrastare le infezioni attraverso la produzione di molecole antimicrobiche, oppure in alimenti fermentati come lo yogurt e il kefir.

I ricercatori del MIT hanno analizzato numerosi studi precedenti sia sul consumo regolare di probiotici che riuscirebbe a ridurre la necessità della terapia antibiotica, sia sullo sviluppo di infezioni cutanee causate da super-batteri immuni al trattamento antibiotico.

Pubblicità

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, ogni anno circa 2 milioni di persone negli Stati Uniti sviluppano un'infezione resistente agli antibiotici, e spesso qualsiasi trattamento risulta inefficace.

I principali super batteri su cui si è soffermato lo studio americano sono stati lo "Staphylococcus aureus", resistente all'antibiotico meticillina, e lo "Pseudomonas aeruginosa", entrambi produttori di uno strato di biofilm contenente alginato e altre sostanze, che rappresenta una sorta di protezione naturale dall'azione degli antibiotici.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza

L'azione combinata tra antibiotico e probiotici

Durante la fase iniziale dello studio, è stata elaborata una capsula di alginato contenente tre tipi di "Lactobacillus probiotici" capaci di distruggere lo "Staphylococcus aureus" resistente alla meticillina. Al composto è stato affiancato l'antibiotico tobramicina, attivo contro lo "Pseudomonas aeruginosa".

L'indagine di laboratorio sulle colture cellulari ha dimostrato che, tramite l'azione combinata tra antibiotico e probiotici, è stato possibile eradicare tutti i super-batteri responsabili dell'infezione, e al contempo è stata confermata la necessità di avere una capsula di rivestimento per proteggere i batteri probiotici.

L'assenza dell'involucro, infatti, tende ad accrescere l'attività non selettiva dell'antibiotico, andando ad annullare l'azione dei cosiddetti "batteri buoni" contro lo "Staphylococcus aureus".

I ricercatori, oltre a sottolineare l'importanza dei risultati raggiunti, hanno anche annunciato che in futuro verranno pianificati dei nuovi test sugli animali e anche delle indagini cliniche.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto