Oggi in tutto il Paese è in atto il “Vitamina day”, dal nome con “C come kiwi”: nelle maggiori piazze italiane saranno offerte spremute del frutto ricco di vitamina C ai bambini, e saranno elargiti consigli sulla Salute e sulla bellezza incentrati sull'uso delle vitamine.

L'iniziativa di Coldiretti è partita da Roma per toccare Napoli ed altri mercati italiani aderenti a Campagna Amica, ed ha lo scopo di contrastare l'influenza stagionale, di cui è previsto il picco a breve termine, con i rimedi "contadini".

Combattere il freddo ed il maltempo a tavola, è questa la proposta del Vitamina Day, usando i frutti della terra che contengano soprattutto la vitamina C.

Agrumi e vitamina C

Saranno presenti agri-chef, nutrizionisti e tutor della spesa, che insegneranno come difendersi dai malanni stagionali usando arance, mandarini e limoni e kiwi. Gli agrumi ed altri prodotti della terra contengono grandi quantità di vitamina C e sali minerali e la scienza ci insegna come la molecola riesca a proteggerci da raffreddori ed influenza, nonché a fornirci il giusto controllo dei radicali liberi prodotti dal nostro organismo nel periodo più freddo.

La vitamina C contenuta in frutta e ortaggi viene assimilata dal nostro organismo in misura maggiore rispetto ai preparati multivitaminici in commercio, come gli integratori, meno funzionali e molto costosi. Sono soprattutto frutta e ortaggi di stagione a fornirci la protezione naturale di cui abbiamo bisogno: dovremmo seguire le antiche abitudini contadine, ricche di rimedi semplici ma validi, come il succo di limone diluito in acqua e sale per il mal di gola, o puro per il raffreddore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Limone, miele, carote e pomodori per curarci

Il succo di limone è una panacea anche per la tosse: unito al miele e lasciato macerare riesce infatti a sedarla ed il mal di gola può essere lenito con sciacqui di un infuso di foglie di basilico fresco, o di aceto di mele ed acqua. Le carote fresche centrifugate unite al miele curano la raucedine, mentre un decotto di semi di lino, acqua e mezzo bicchiere di vino rosso, con cui si imbeve una salvietta di lino per posizionarla sul petto, attenua i problemi bronchiali.

Ci sono rimedi contadini anche per la debolezza e per la convalescenza: dopo uno stato influenzale si dovrebbero consumare pomodori crudi molto maturi o bere il loro succo.

Il kiwi per un pieno di vitamina C

L’acido ascorbico, questo il nome scientifico della vitamina C, raggiunge la massima concentrazione nella frutta di stagione, come gli agrumi, ma anche in numerosi ortaggi tra cui broccoli, cavolfiore e radicchio.

Il kiwi però è il frutto che ne contiene la quantità maggiore: circa 85 mg in 100 grammi di prodotto rendendo il frutto il "contenitore" migliore della preziosa sostanza.

Tra i benefici della vitamina C, oltre all'aumento delle difese immunitarie e alla funzione di riduzione dello stress ossidativo cellulare, c'è anche l'incentivazione dell'assorbimento del ferro, che, tra l'altro, è presente in grandi quantità nel kiwi.

Nel kiwi inoltre troviamo grandi concentrazioni di minerali, come potassio e rame, utili contro la debilitazione fisica e la ritenzione idrica, poiché ripristinano la corretta funzionalità del microcircolo. Il frutto ha un apporto calorico molto basso ma soprattutto un basso indice glicemico, che lo rende fruibile anche agli iperglicemici.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto