Volley abbiamo un problema: uscire dall'adolescenza e diventare adulti. Il caso di Vibo Valentia che, tramite il suo patron Callipo minaccia di occupare con i tifosi la sede della Lega se persisterà nella linea di obbligare le squadre a dotarsi di palazzetti con almeno 3000 posti a sedere.

Il regolamento parla chiaro

Eppure al varo della Superlega nel 2014, tra i requisiti per l'accesso, oltre alla stabilità finanziaria dei club e la regolarità nei pagamenti, nel regolamento è stato inserito di avere a disposizione impianti da almeno 3000 posti, regola su cui nelle prime tre stagioni si è derogato, mentre non si farebbero sconti.

La cosa curiosa è che chi ha aderito alla Superlega era ben cosciente di questo parametro per il quale ora si lamenta. E come fa notare il portale Volleyball.it non si tratta di club di primo pelo con i maggiori incassi e la maggior affluenza di pubblico; ma di squadre che come unico beneficio hanno quello della mancata retrocessione, oltre a riempire una tantum i loro palazzetti quando passa il top team col top player di turno.

Torna l'antico scontro nord-sud

Callipo paragona addirittura la Lega Volley alla Lega Nord, accusando il consorzio di voler limitare il campionato al Centro-Nord affermando che essere super vuole dire rispettare innanzi tutto le regole...

ma i palazzetti rientrano in queste regole! E tirare in ballo una sorta di razzismo che taglierebbe le gambe allo sviluppo del movimento pallavolistico è quanto meno un azzardo soprattutto quando le cifre, in termini di incassi, dicono bel altro. E se le suddette cifre parlano di quattro milioni di euro complessivi di incassi tra regular season e play-off, le stesse cifre analizzate mettono in chiaro la geografia del movimento mostrando come la Pallavolo non sia solo un'industria a sé stante, ma possa consentire a chi ne fa parte di trarne profitti.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pallavolo Basket

I tempi del mecenatismo sono finiti

Sono finiti insomma i tempi del mecenatismo, dei patron-sponsor coi loro gruppi che investono nello sport "a perdere". La logica oggi è quella del profitto ma questo non vuol dire snaturare uno sport. In fondo è la stessa polemica che pervade l'inadeguatezza degli stadi di calcio o dei palazzetti che ospitano il basket (che guarda caso spesso coincidono con quelli del volley). Di fronte a un pubblico che cresce e a uno spettacolo che attira sempre più persone, l'adeguare i palazzetti non deve essere visto come un affronto ma anzi come una possibilità di allargare sempre di più il pubblico.

Magari investendo di più in promozione e facendo qualche sacrificio. In fondo Civitanova, il primo scudetto in casa (ma il quarto della Lube) lo ha vinto solo quest'ano, dopo aver sacrificato la sede "naturale" per adeguarla.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto