Organizzata da RCS Sport, sabato 7 marzo, si svolgerà la 14^ edizione della Strade Bianche (diretta tv su Rai 2 dalle ore 14). Anche nota con l’appellativo di Classica del Nord più a Sud d’Europa, perché in alcuni momenti è simile alle grandi classiche fiamminghe, nata solo nel 2007, ma in breve tempo divenuta una ‘Classica’ del calendario World Tour di cui fa parte dal 2017, Strade Bianche è oramai uno degli appuntamenti più attesi dell’intera stagione del grande Ciclismo. Inoltre è senza dubbio tra le gare più fotogeniche del panorama internazionale con il tracciato che tra vigneti e cipressi si snoda lungo le splendide campagne toscane.

Con partenza e arrivo a Siena, in virtù di un percorso unico e spettacolare che si contraddistingue per la presenza di alcuni settori di strade sterrate, in questa edizione saranno undici coprendo circa un terzo dei 184 chilometri totali, alla Strade Bianche la partecipazione è sempre di livello elevatissimo e, polvere o fango che sia, chi vuole entrare nella lista dei vincitori di questa difficile gara non può nascondersi.

Parterre di lusso alla Strade Bianche

Nonostante i timori per i contagi da coronavirus, a oggi, Strade Bianche si svolgerà regolarmente.

Tuttavia, come riporta il sito ufficiale della manifestazione, qualche cancellazione dalla lista di partenza è stata preannunciata.

Alla classica senese sarà comunque una parata di stelle, al via, infatti, sono annunciati anche Peter Sagan (Bora), Zdenek Stybar e Bob Jungels della Deceuninck, Greg Van Avermaet (CCC), Romain Bardet (AG2R), Wout Van Aert (Jumbo Visma), Bauke Mollema (Trek), Alejandro Valverde, Marc Soler (Movistar), Philippe Gilbert, John Degenkolb (Lotto Soudal), Michal Kwiatkowski (Ineos), Jakob Fuglsang (Astana) e tra gli italiani sono attesi, Vincenzo Nibali (Trek), Davide Martinelli (Astana), Davide Ballerini (Deceuninck), Alberto Bettiol (EF) e Diego Ulissi (UAE).

L’albo d’oro della classica senese

Julian Alaphilippe è il detentore di Strade Bianche succedendo a Tiesj Benoot, mentre nel 2017 vinse Michal Kwiatkowski che si era imposto anche nell’edizione del 2014. Con tre vittorie lo svizzero Fabian Cancellara detiene invece il record di successi (2008, 2012, 2016).

Completano l’albo d’oro Aleksandr Kolobnev che vinse l’edizione inaugurale del 2007, Thomas Lofkvist (2009), Maksim Iglinskij (2010), Philippe Gilbert (2011), Zdenek Stybar (2015) e il solo vincitore italiano Moreno Moser (2013).

Strade Bianche femminile

In chiusura, ricordiamo, che nel programma del weekend di ciclismo nella provincia di Siena si svolgerà anche la sesta edizione della Strade Bianche femminile (calendario UCI Women's World Tour), che scatterà qualche ora prima della gara maschile e si snoderà lungo un percorso di 136 chilometri comprendenti otto settori di sterrati. Come per la prova maschile partenza e arrivo a Siena, detentrice è l’olandese Annemiek van Vleuten.

Mentre domenica 8 marzo andrà in scena la celebre Granfondo Strade Bianche per non professionisti, che lo scorso anno ha raggiunto quasi quota 5000 iscritti.

Segui la nostra pagina Facebook!