Proroga di alcune delle scadenze fiscali di giugno 2015. Un Dpcm (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri) che al momento è in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale annuncia la proroga. A riferirlo è ItaliaOggi, informando i contribuenti che alcuni pagamenti della #Dichiarazione dei redditi (ma non solo) potranno essere fatti con maggiore calma. I pagamenti in scadenza il 16 giugno, vengono posticipati al 6 luglio. Vediamo nei dettagli quali sono le scadenze rinviate e i soggetti interessati. Proroga anche per i versamenti effettuati in ritardo con maggiorazione dello 0,40%, che slittano al periodo compreso fra il 7 luglio e il 20 di agosto.

Proroga 2015: per quali scadenze fiscali?

La proroga per i versamenti che riguardano la dichiarazione dei redditi, le cui scadenze fiscali erano stabilite per il 16 giugno 2015 sono:

-#modello Unico PF 2015

-Dichiarazione Irap

-Dichiarazione unificata annuale

La richiesta di proroga era giunta legittima, tenuto conto del fatto che il software Gerico è puntualmente arrivato in ritardo e che l'accavallamento fra le tante scadenze del 16 giugno mette ogni anno in crisi i professionisti che si ritrovano a dover fare migliaia di calcoli contemporaneamente (e i contribuenti costretti a versare centinaia e migliaia di euro tutti insieme).

Nuove scadenze fiscali: chi interessano e quali sono

I contribuenti interessati dalla proroga sono:

-coloro che hanno Partita Iva, soggetti a regime ordinario e a studi di settore;

-coloro che hanno Partita Iva, soggetti al precedente regime di minimi con aliquota al 5%;

-coloro che hanno Partita Iva e sono soggetti al nuovo regime forfettario con aliquota al 15%;

Le nuove scadenze fiscali previste sono le seguenti:

  • 6 luglio 2015: ultimo giorno utile per i versamenti che riguardano le dichiarazioni fiscali menzionate sopra, senza pagare maggiorazioni.

  • 7 luglio-20 agosto 2015: ultimo giorno utile per i versamenti che riguardano le dichiarazioni fiscali menzionate sopra, con una maggiorazione dello 0,40% .