Il termine Instant Apps, come dice stesso il termine, rende possibile eseguire un'applicazione del Play Store [VIDEO] senza doverla installare sullo Smartphone, andando ad evitare l'occupazione di una parte di memoria del dispositivo.

I primi test su questa nuova tecnologia sono stati effettuati già nei primi mesi del 2017, dopo l'annuncio ufficiale che fu fatto in occasione della conferenza I/O del 2016.

Google nell'ultima conferenza, ha affermato di essere al lavoro su un altro progetto, chiamato Play Instant. Quest'ultimo è leggermente diverso dall'Instant Apps, in quanto consente di usare le app senza download solo per test limitati.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Smartphone

Google Instant Apps e Play Instant: la differenza

La differenza tra le due tecnologie è che con Play Instant, è possibile testare le app e i giochi senza procedere all'installazione, come se fossero una demo.

Infatti per avere tutte le funzionalità, saremo comunque costretti ad installarla. Con Instant Apps, invece, l'applicazione sarà eseguibile in streaming, in quanto essa viene aperta nel browser del dispositivo che stiamo utilizzando.

L'applicazione che andiamo ad eseguire, senza installarla sul telefono, viene aperta fisicamente su un server esterno allo smartphone dell'utente.

Ciò evita, dunque, di procedere all'installazione e alla conseguente apertura dell'app che può impiegare da pochi minuti ad un ora, circa.

I vertici del colosso mondiale, fanno sapere che in questi due anni, hanno collaborato con vari sviluppatori per portare avanti il mondo delle applicazioni istantanee e oggi, finalmente, abbiamo la Android Instant Apps SDK versione 1.1 che include già le funzioni principali che sono maggiormente richieste dagli utenti.

Con questa versione, tutti gli sviluppatori del mondo possono aderire alla creazione di applicazioni da utilizzare 'in streaming'.

La genialità di Instant Apps sta nel fatto che se un'applicazione viene usata pochissime volte, non crea la seccatura di doverla installare sul proprio dispositivo per un utilizzo non superiore, ad esempio, a cinque minuti.

Si evita uno spreco di spazio sul telefono, che soprattutto nei telefoni di fascia bassa è molto limitato, e poi si evitano perdite di tempo, poiché non dobbiamo aspettare il download dell'applicazione [VIDEO].

Il sistema funziona in un modo molto semplice. Quando si accede ad un link che in teoria, dovrebbe portare alla pagina da cui scaricare l'app, il sistema scarica alcune parti dell'app, ma non tutto il pacchetto. Questo processo richiede pochi secondi e gli utenti useranno l'applicazione senza limitazioni come se l'avessero fisicamente installata.

Una volta usciti dall'applicazione streaming, non resterà traccia dei dati dell'app, in quanto saranno cancellati automaticamente dal telefono.