L'Inter domani sera è chiamata a dare una risposta alle critiche piovute in questi giorni dopo le due sconfitte consecutive subite in campionato contro l'Udinese e il Sassuolo. I nerazzurri, infatti, saranno impegnati nel derby di Milano nel match valido per i quarti di finale di coppa Italia, contro un Milan in piena crisi, che in campionato dopo l'ennesima sconfitta (subita contro l'Atalanta) è sceso all'undicesimo posto, ben lontano dagli obiettivi prefissati a inizio stagione.

Per l'Inter, dunque, potrebbe essere l'occasione migliore per riprendersi e tornare alla vittoria o, in caso di sconfitta, di dare ragione a chi ha asserito in questi giorni che la squadra nerazzurra è in crisi.

La problematica è rappresentata dalle due sconfitte ravvicinate perchè se queste fossero arrivate a distanza l'una dall'altra, nell'arco delle diciotto giornate, il discorso sarebbe stato ben diverso. Dopo il derby, inoltre, si tornerà a pensare al campionato e sabato, alle ore 18, allo stadio Meazza arriverà la Lazio, in un match fondamentale per la corsa ad un piazzamento in Champions League visto che i biancocelesti sono a quattro punti di distanza ma hanno una partita da recuperare, in casa contro l'Udinese.

A complicare la vigilia di questi due test probanti al tecnico Luciano Spalletti, ci sono state le notizie provenienti dall'infermeria, che hanno evidenziato come sia Danilo D'Ambrosio, sia Joao Miranda, usciti anzitempo nella partita persa contro il Sassuolo, non saranno disponibili per quasi un mese e cercheranno di tornare a disposizione per il match dopo la sosta, il 21 gennaio, contro la Roma.

Il problema secondo Sconcerti

Le due sconfitte dell'Inter sono state analizzate dal giornalista de Il Corriere della Sera, Mario Sconcerti, che, intercettato dai microfoni di Tuttomercatoweb radio, ha dichiarato:

"Il problema evidenziato dall'Inter in queste ultime partite è un problema tecnico. I nerazzurri non hanno un gioco e hanno un problema in mezzo al campo, più precisamente tra la metà campo e il centravanti.

Alcuni numeri testimoniano i problemi della squadra nerazzurra: Icardi, che a mio avviso è tra i quattro attaccanti più forti al mondo, nelle ultime nove trasferte ha segnato solo due reti su azioni; se prendiamo in considerazione l'esterno croato, Ivan Perisic, invece, ha fatto solo tre reti in tredici partite. Da questi dati capisci che l'Inter andrà sempre in difficoltà in trasferta".