Gabriel Barbosa è ufficialmente un giocatore del Flamengo, per la gioia sua e in fondo anche dell’Inter.

Ieri ad aspettare la punta ex Santos c’erano tantissimi tifosi rossoneri all’aeroporto: il giocatore ha svolto le visite mediche ed è pronto a firmare il nuovo contratto col club di Rio.

Gabigo ha anche allungato di un anno il suo contratto con l’Inter (nuova scadenza 30 giugno 2022), in modo da permettere ai nerazzurri di abbassare il costo dell’ammortamento sul bilancio. E questa novità dà comunque una boccata d’ossigeno all’Inter, che proprio il prossimo luglio uscirà anche dal settlement agreement imposto dalla Uefa per il fair play finanziario.

Pubblicità

Gabigol passa al Flamengo in prestito fino a dicembre, ma Inter e Flamengo hanno anche altri affari in sospeso, il passaggio di Gabigol infatti potrebbe facilitare l'operazione Lincoln.

L'Inter crea un asse con il Flamengo

Nello scambio con il Flamengo è l’Inter ad averci guadagnato: i nerazzurri infatti hanno ottenuto una sorta di diritto di prelazione sulle stelline del Flamengo come Lincoln, 18 enne attaccante seguito da tutti i top club d’Europa: in sostanza, il club nerazzurro potrà prendere un giocatore carioca pareggiando le eventuali offerte future.

L'Affare Brazao sta anch'esso per concludersi

Sta per decollare anche l’affare Brazao, portiere classe 2000 del Cruzeiro. L’Inter vuole accelerare, puntando poi alla compartecipazione del Chievo nell’operazione: il club nerazzurro non ha attualmente slot per gli extracomunitarie dunque farebbe tesserare il portiere al Chievo, come accadde ai tempi dell’acquisto di Julio Cesar.

L'Inter non si ferma e vuole a tutti i costi anche De Paul

L'armata nerazzurra è pronta ad uscire allo scoperto e lanciare l’assalto anche a Rodrigo De Paul dell’Udinese.

Pubblicità

Rodrigo Javier De Paul è cresciuto nelle giovanili del Racing Club. È approdato in Europa nel 2014, acquistato dal Valencia per oltre 6 milioni di euro. Nel febbraio del 2016 torna in prestito in Argentina, sempre al Racing Club, ma pochi mesi dopo ecco l’Udinese. In bianconero ha finora giocato, coppe comprese, 93 partite: 15 i gol fatti. Ha esordito in nazionale lo scorso agosto, contro l’Iraq. Complessivamente sono tre le presenze con l’Albiceleste.

Secondo Marotta è un giocatore da prendere subito e lasciare in Friuli fino a fine stagione.

Un’ipotesi che accontenterebbe tutti: l’Udinese, in lotta per la salvezza che non ha alcuna intenzione di privarsi del suo miglior giocatore; De Paul, che non vorrebbe chiudere in anticipo la sua esperienza in bianconero, e l’Inter stessa, che oggi come oggi dovrebbe cedere prima di acquistare, anche per un discorso numerico di rosa.