Federico Peluso, difensore del Sassuolo, ha rilasciato un'intervista a "La Gazzetta dello Sport", durante la quale ha posto l'accento sulle sue ultime vicissitudini di mercato ed ha ricordato con piacere i suoi trascorsi alla Juventus. L'ex bianconero ha raccontato che in estate l'allenatore Roberto De Zerbi gli ha comunicato la decisione del club di non rientrare nei piani per la stagione in corso. Il giocatore, essendo infortunato non aveva mercato per cui è rimasto, anche sull'onda della promessa che il tecnico l'avrebbe comunque allenato.

Oggi dai margini del progetto è ritornato titolare ed ha cambiato ruolo, infatti da terzino è diventato centrale. A gennaio aveva deciso di trasferirsi al Cagliari, ma è stato fermato, a conferma che l'ambiente del club emiliano ha fiducia in lui.

I trascorsi di Peluso con la Juve

Domenica al Mapei Stadium avrà luogo Sassuolo - Juventus e l'intervistato ritroverà volentieri la sua ex squadra dove ha giocato solo un anno e mezzo. Il giocatore è stato acquistato dalla Vecchia Signora nel 2013 prelevando dall'Atalanta.

Peluso ricorda che approdando a Torino ha realizzato il sogno di far parte di un top club. La società bianconera è un esempio: "Una società modello altrimenti uno come Cristiano Ronaldo non avrebbe deciso di andarci a giocare", questa l'affermazione del difensore. Inoltre l'armata bianconera è un gruppo coeso i cui senatori Barzagli, Bonucci e Chiellini rendono partecipe del progetto i nuovi arrivati. La cosiddetta BBC in questo momento abita in infermeria e Peluso è d'accordo sul fatto che la squadra senza di loro soffre molto: "Gente che ha una sola idea in testa: vincere.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus Serie A

Come il club".

Al momento il neroverde gioca in coppia con Magnani che è considerato uno sconosciuto, ma ha grandi potenzialità e non a caso è sotto contratto con la Juventus, la quale ha su di lui il diritto di recompra. Il tecnico De Zerbi è ritenuto da Federico Peluso: "Onesto e preparato", questa la convinzione dell'ex bianconero che continuando mette in evidenza come i giovani Sensi, Berardi, Locatelli, Bourabia stanno crescendo in maniera esponenziale, grazie alla cura del tecnico. L'ultima battuta riguarda i mister che ha incontrato durante la carriera che sono: Conte, Di Francesco e De Zerbi. Del primo sottolinea: "aveva giocate predefinite e chiedeva aggressività, il secondo verticalizzava tanto e del terzo ho già detto".

Se un giorno dovesse decidere d'intraprendere l'attività di allenatore saprà a chi ispirarsi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto