Mancano meno di 24 ore alla partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra Juventus e Atletico di Madrid. E, nonostante tutto quello che possano dire la società e i vari commentatori sportivi, si tratta di una partita decisiva che, per molti tifosi, può valere l'intera stagione. D'altra parte, le ultime prestazioni della Vecchia Signora in Serie A, nonostante si siano concluse con delle vittorie, non hanno convinto la maggioranza dei supporters. Tanto che fra questi serpeggia un certo pessimismo riguardo alla partita di domani.

Questo generale clima di sfiducia è stato menzionato dall'ex difensore bianconero e della Nazionale italiana Ciro Ferrara. Durante la trasmissione sportiva "Tiki Taka" Ferrara ha cercato di esorcizzare le paure dei tifosi e di far prevalere l'ottimismo "anche perché - ha spiegato - le partite cambiano in un attimo".

Il realismo di Ferrara

Non ci sono dubbi che la squadra di Diego Simeone è favorita, sia dal punto di vista del punteggio ed anche dal punto di vista psicologico. Il fatto di aver vinto la partita di andata con un rotondo 2-0 consente ai colchoneros di poter giocare il ritorno se non proprio sul velluto con una certa tranquillità. E questo, certamente, vuol dire molto visto che la partita si terrà a Torino in casa della Juventus.

Ma dall'altra parte l'esperienza insegna a Ciro Ferrara che nel calcio non si può mai dare nulla per scontato. L'ex difensore di Juventus e Napoli, infatti, spiega come nella sua carriera abbia visto tantissime volte ribaltare dei risultati che sembravano dati per certi.

L'ottimismo deve prevalere

Di conseguenza, continua Ciro Ferrara, nonostante in queste ultime settimane si sia trovato a discorrere con tantissimi tifosi sfiduciati e delusi che hanno creato un clima di "pessimismo allucinante" intorno a questa sfida, occorre far prevalere l'ottimismo.

E questo perché in questa stessa edizione della Champions League si è assistito a incredibili rimonte. Quelle di Ajax e Manchester United ai danni di Real Madrid e PSG, ad esempio, maturate oltretutto fuori casa.

Ovviamente, continua Ferrara, non si può pensare che la Juventus possa superare il turno adottando un atteggiamento verso la partita di ritorno simile a quello dell'andata.

La prestazione richiesta deve essere per forza di cose diversa e migliore. La Juventus può e, anzi, deve provarci. Perché, conclude Ciro Ferrara, nonostante i numeri le siano contro, l'impresa rimane possibile.