Dopo lunghe e complesse indagini (dalla sparizione sono trascorsi più di due anni) ci sono novità di rilievo sul caso Roberta Ragusa in quanto il marito Antonio Logli sarà rinviato a giudizio entro la fine della prima settimana di dicembre 2014. Antonio Logli parla poco con gli inquirenti e per niente coi massmedia. Evidentemente ha adottato questa strategia per non commettere errori nelle dichiarazioni e per prevenire il rischio di non essere correttamente interpretato.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera





Secondo le indagini condotte dalla Procura di Pisa Logli, di professione elettricista, obbligò letteralmente la moglie a salire sulla sua macchina per poi ucciderla e distruggerne oppure occultarne molto abilmente il cadavere.

Non si capisce però ancora bene su quali elementi probatori si regge l'accusa.



Di certo sappiamo che Loris Gozi, in sede di incidente probatorio, disse di avere visto Logli all'interno di un'auto quella famosa notte sul ciglio di una strada nei pressi della sua abitazione e di avere assistito a una lite.



Per gli investigatori Logli andò stranamente a testare la visibilità nella strada citata dal testimone, domandando via telefono a un'altra persona cosa poteva essere ragionevolmente visto trovandosi in una certa posizione in modo da valutare se quanto affermato da Gozi era credibile. Nelle scorse settimane tra i due si è registrata una crescente tensione.

Gli investigatori avevano però sistemato un satellitare sulla sua auto registrandone ogni spostamento in modo compromettente per Logli stesso.

I migliori video del giorno

Secondo voi questa è una prova? Di certo rappresenta un indizio estremamente serio sul quale ragionare. Di certo nei prossimi giorni ne sapremo di più continuando a seguire dettagliatamente lo sviluppo delle indagini sulla sparizione di Roberta Ragusa, caso da me definito in altre occasioni il "Giallo di Gello". Se volete essere aggiornati più facilmente e celermente su tale caso cliccate sopra il tasto "segui" vicino al mio nome in alto. Il mistero Roberta Ragusa continua con una domanda principale: se davvero è morta dov'è finito il suo corpo?