Veronica Panarello, la 26enne di Santa Croce Camerina accusata di infanticidio aggravato, è reclusa in carcere ad Agrigento e nei giorni scorsi ha ricevuto una gradita visita: quella di sua madre, che si chiama Carmela Anguzza.

Mentre suo marito Davide ha preso le distanze dalla donna, gli altri familiari più stretti le stanno tendendo una mano, a cominciare dai genitori e dalla sorella Antonella. Il padre ha lanciato una raccolta fondi via facebook per pagare le spese legali a Veronica. La sorella la considera innocente. La madre non fa mancare il suo sostegno morale, anche se all'uscita dal carcere è apparsa inevitabilmente turbata dalla difficile situazione in cui si trova sua figlia, che è accusata anche di avere nascosto il corpo del piccolo Loris nella zona del Mulino dove, secondo la testimonianza di Antonella, da piccole andavano a fare la scorta dell'acqua.

Il sospetto che l'infanticidio possa essere stato commesso da più persone resta e gli inquirenti sono sempre impegnati a setacciare i tabulati telefonici per ricostruire tutti i contatti di Veronica che, secondo quanto trapela, si sarebbe cancellata da facebook pochi giorni prima dei tragici fatti del 29 novembre 2014. Perché?

Il "personaggio" di Veronica è ancora tutto da decifrare in quanto sembra ostinarsi a negare anche l'evidenza e cioè quanto risulta dalle quaranta telecamere presenti sul territorio del Comune di Santa Croce Camerina (Ragusa) secondo cui il 29 novembre 2014 Loris Stival non raggiunse mai l'Istituto "Falcone-Borsellino".

"Io sto con Veronica, credo nell'innocenza di mia figlia", ha ripetuto Carmela Anguzza, dopo avere raccolto lo sfogo della figlia.

I migliori video del giorno

Importante la sua presa di posizione nei confronti di Davide Stival, marito di Veronica, che secondo lei avrebbe fatto bene a sospendere il giudizio in questo momento delicatissimo. Il marito, che fa l'autotrasportatore e che mancava per lunghi periodi da casa, ha ricevuto un'importante proposta lavorativa dal sindaco di Vittoria che intende inserirlo nel suo staff a tempo determinato, per metterlo nella condizione di stare più vicino al figlioletto Diego di soli 4 anni. Le indagini per scoprire chi ha ucciso Loris continuano.