Giungono news molto importanti su due casi ancora irrisolti della cronaca italiana, quelli di Guerrina Piscaglia e di Yara Gambirasio. Per quanto riguarda la vicenda della donna di Cà Raffaello, scomparsa il 1 maggio scorso, i suoi parenti hanno inviato una lettera a Papa Francesco, con la richiesta che sia fatta chiarezza. Sul caso di Yara Gambirasio, invece, proprio oggi verrà depositata in Procura una richiesta di scarcerazione per Massimo Bossetti, anche se l'enigma del Dna non è ancora stato risolto.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Guerrina Piscaglia, i suoi parenti hanno mandato una lettera a Papa Francesco

E' ancora mistero sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia: non si hanno più sue notizie dal 1 maggio scorso.

I parenti della donna hanno deciso di mandare una missiva a Papa Francesco, con la richiesta che emerga al più presto la verità su Guerrina Piscaglia. E' stato il legale della famiglia Piscaglia, Francesca Faggiotto, ad inviare la lettera, nella quale si chiede che si faccia chiarezza sulla posizione di Padre Gratien Alabi, il prete che ha avuto uno scambio molto intenso di messaggi con Guerrina, la quale gli aveva rivelato di essere incinta di lui. Padre Gratien ha però negato il tutto, dicendo di non avere mai fatto del male alla donna; nonostante ciò, il religioso congolese rimane il principale sospettato degli inquirenti. La decisione di scrivere una lettera al Papa deriva dal fatto che la Curia ha interrotto ogni rapporto con i parenti di Guerrina Piscaglia.

Yara Gambirasio, oggi sarà presentata in Procura un'istanza di scarcerazione per Massimo Bossetti

Sarà presentata oggi in Procura l'istanza di scarcerazione per Massimo Giuseppe Bossetti, che si trova rinchiuso nel carcere di Bergamo dal 16 giugno scorso, con l'infamante accusa di avere ucciso la tredicenne ginnasta Yara Gambirasio.

I migliori video del giorno

La strategia difensiva di Claudio Salvagni, l'avvocato di Massimo Bossetti, si fonda sul fatto che il Dna mitocondriale trovato sui vestiti della ginnasta non appartiene al suo assistito. Ma non è tutto: sul corpo di Yara, infatti, non è stato ritrovato alcun pelo o capello che possa appartenere al carpentiere di Mapello. Bossetti sarà scarcerato?