Come da programma, si è svolto il 7 febbraio 2015 a Govone, comune di origine del padre, il funerale di Elena Ceste, 37enne analista chimica residente col marito Michele Buoninconti a Costigliole d'Asti.

Durante il funerale a Govone nevicava, e sono state proprio le difficili condizioni atmosferiche a vanificare, nei giorni scorsi, un tentativo di simulazione di un'ipotetica caduta di Elena Ceste nel canale del Rio Mers, organizzata dagli avvocati di Michele Buoninconti per dimostrare che la donna potrebbe anche essere rimasta vittima di un incidente, scivolata accidentalmente nel canale.

In questi giorni, infatti, la zona è stata particolarmente colpita dal maltempo.



Sulla bara c'erano rose bianche. Ovviamente, al funerale non poteva essere presente il marito Michele Buoninconti, vigile del fuoco di 44 anni, dato che si trova ristretto in carcere con pesanti accuse relative alla morte di sua moglie. Moltissime persone erano presenti alla cerimonia per dare l'ultimo saluto a Elena Ceste. Buoninconti continua a professarsi non responsabile della morte della moglie, anche se alcune anomalie nel suo comportamento non sono certo passate inosservate fin dalla fase iniziale delle complesse indagini., come non è passata inosservata la decisione di citare l'uomo sugli annunci mortuari: "È mancata all'affetto dei suoi cari Elena Ceste - c'è scritto sui manifesti - ne danno il doloroso annuncio il marito, i figli, la mamma Lucia, il papà Franco, la sorella Daniela, il cognato Danilo, e nipoti e i parenti tutti".

Una scelta che sta facendo discutere, in quanto Michele potrebbe essere l'assassino.

Cose da chiarire

La cosa misteriosa, del giallo legato alla sparizione di Elena Ceste, è il fatto che il suo corpo sia rimasto a soli due chilometri da casa senza essere notato a quanti la ricercavano per diversi mesi. Evidentemente il corpo era stato occultato alla perfezione e c'è chi ha fatto notare che in qualità di vigile del fuoco, Buoninconti sapeva certamente come nascondere un corpo in un canale.

Il cadavere era sistemato con cura, a testa in giù, coperto da rami ed arbusti. Secondo l'autopsia al cadavere mancavano due denti e ora gli inquirenti stanno cercando di capire perché. La donna potrebbe avere ricevuto un colpo in faccia?

Segui la nostra pagina Facebook!