Proseguono a ritmo serrato le indagini per cercare di scoprire la verità sul caso di Domenico Maurantonio, lo studente di Padova morto precipitando dal quinto piano dell'hotel "Da Vinci" di Milano, dove si trovava in gita con la scuola. Secondo le ultime indiscrezioni, provenienti dal sito "Urbanpost", che da tempo si sta occupando del caso, un gruppo di esperti starebbe lavorando sotto la supervisione dell'avvocato della famiglia Maurantonio, Eraldo Stefani. Ecco tutte le novità sul caso di Domenico Maurantonio. 

Trovate nuove tracce biologiche in hotel: è svolta?

Non sono ancora emersi elementi utili alla risoluzione del complesso caso di Domenico Maurantonio, ma, stando alle ultime indiscrezioni, l'avvocato di famiglia, Eraldo Stefani, starebbe conducendo una sorta di indagine aggiuntiva a quella portata avanti dagli investigatori, nella speranza di trovare indizi decisivi.

Un gruppo di periti, dopo numerosi sopralluoghi e prove cinetiche, con le quali stanno provando a fare luce sulla dinamica della morte del diciannovenne, sarebbero arrivati alla scoperta di nuove tracce biologiche di Domenico Maurantonio. Grazie a rilievi, esami e prove audiometriche, il gruppo di esperti sarebbe arrivato alla conclusione che la morte dello studenre padovano sarebbe avvenuta due ore prima di quanto si credeva (dunque non tra le cinque e mezza e le sette e mezza, ma tra le tre e mezza e le sei e mezza della notte tra il 9 ed il 10 maggio). "Credo fermamente che non si sia trattato di suicidio, dato che Domenico Maurantonio non ne avrebbe avuto motivo; il ragazzo aveva voti altissimi a scuola e si trovava molto bene con la sua ragazza; nelle ultime ore sono circolate troppe notizie false su questo complesso caso e non capisco perchè i suoi compagni di scuola non parlino", ha dichiarato Eraldo Stefani, il legale della famiglia Maurantonio.

I migliori video del giorno

Al momento si attendono i risultati definitivi degli esami tossicologici sul cadavere dello studente morto tragicamente nella notte tra il 9 ed il 10 giugno. L'impressione è comqunque che la svolta del caso sia veramente molto vicina.