E' davvero il 45enne vigile del fuoco Michele Buoninconti, originario del salernitano, il responsabile materiale della morte della moglie Elena Ceste? Sarà il processo in corso di svolgimento ad Asti a chiarirlo. La donna fu trovata morta in un canale, ben coperta da arbusti, ma il ritrovamento del cadavere fu del tutto casuale, durante operazioni di bonifica a cura di un privato. Senza quei lavori di pulizia forse il corpo non sarebbe stato trovato e questa morte sarebbe rimasta un mistero.

L'occultamento ben riuscito

Il corpo della Ceste era sfuggito agli investigatori, che pure avevano setacciato con cura la zona, a dimostrazione che era stato abilmente nascosto.

Pubblicità

Recentemente la stampa specializzata ("Giallo") ha pubblicato immagini di Buoninconti, attualmente detenuto, realizzate nel corso delle udienze. Il Michele Buoninconti che ne viene fuori è molto magro, tirato. Si è fatto crescere i capelli. Indossa pantaloni jeans. Sette mesi in carcere sembrano averlo trasformato.

La consulenza

Il consulente informatico che è stato nominato dalla procura di Asti per riferire tecnicamente sui movimenti in auto di Buoninconti si chiama Giuseppe Dezzani e ritiene di avere soddisfatto le domande del giudice chiarendo ogni aspetto. L'uomo alle ore 9:00 circa del 24 gennaio 2014 sarebbe stato nella zona del Rio Mersa, dove fu poi trovata Elena Ceste.

Che ci faceva lì, dopo aver accompagnato i figlioletti a scuola in sostituzione della madre, indisposta?

Chi era Elena Ceste

Improvvisamente scomparsa il mattino del 24 gennaio 2014, ritrovata senza vestiti e senza gli indispensabili occhiali da vista, era originaria di Torino. Era diplomata analista chimica. Soffriva la monotonia della vita provinciale e ultimamente utilizzava i moderni social network allo scopo di ritrovare qualche vecchio compagno di scuola o per cercare conforto in nuove amicizie, anche maschili.

Pubblicità

Il marito Michele, noto per alcuni suoi atteggiamenti morbosi in quanto molto geloso, non vedeva di buon occhio tutto questo e temeva tradimenti. Limitava dunque al massimo i movimenti della moglie: per fare un esempio, l'auto era assicurata solo per il periodo scolastico, quando poteva utilizzarla per portare i figli a scuola. I bambini sono stati ora affidati ai nonni cioè ai genitori di Elena Ceste, visto che il loro padre è in carcere.