È accaduto a Genzano, in provincia di Roma: un uomo rumeno di 30 anni ha violentato, picchiato e minacciato sua cugina 34enne. I due condividevano lo stesso appartamento, situato nel centro storico della cittadina ai Castelli Romani, con altri connazionali. Adesso l'aggressore è stato dai carabinieri con l'accusa di lesioni personali e violenza sessuale aggravata.

L'accaduto - Dopo averla malmenata con calci e pugni, lo straniero ha ricattato la donna con un coltello a serramanico e l'ha costretta a subire un rapporto sessuale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Terminato l'agguato, la vittima si è recata in forte stato confusionale alla caserma dei carabinieri e ha subito denunciato l'accaduto. I militari di Genzano le hanno prestato i primi soccorsi e l'hanno accompagnata al vicino ospedale di Velletri per condurre esami e accertamenti.

Dai test effettuati è stato possibile confermare lo stupro e incarcerare l'uomo. La polizia, infatti, ha effettuato un sopralluogo all'interno dell'appartamento ed è riuscita a ritrovare l'arma utilizzata dal rumeno: un coltello a serramanico ancora sporco del sangue della vittima. Dopo aver rintracciato l'aggressore lungo la zona di viale dell’Olmata, è subito scattato l'arresto. L'uomo, che aveva già diversi precedenti penali per porto abusivo di coltelli, si trova ora nel carcere di Velletri per rimanere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Roma sempre più pericolosa - Questo, però, è solamente l'ultimo dei numerosi casi di violenza sulle donne avvenuti a Roma. Soltanto una settimana fa, infatti, un'altra signora ha rischiato di essere violentata da un giovane di nazionalità etiope in pieno centro.

I migliori video del giorno

Come ogni giorno, la donna si era recata a passeggio con i cani, quando è stata inseguita, afferrata e palpeggiata da un ragazzo 26enne. La signora, però, ha prontamente liberato i cani, che si sono subito avventati sul suo aggressore ringhiando e abbaiando. L'immigrato etiope si è dato alla fuga e al momento non è ancora stato catturato dalla polizia. La donna, però, ha fornito un identikit preciso e dettagliato alle autorità, che in futuro potrebbe rivelarsi estremamente utile.