Emergono notizie molto importanti sul caso di Trifone Ragone e Teresa Costanza, i due fidanzati assassinati lo scorso 17 marzo nei pressi del palazzetto dello Sport "Crisafulli". Pare, infatti, che gli inquirenti siano arrivati ad una clamorosa svolta nel caso, iscrivendo nel registro degli indagati un amico di Trifone Ragone. Dal quotidiano "Il Gazzettino" si apprende il nome del principale sospettato del delitto di Pordenone: si tratta di Giosuè Ruotolo, ventiseienne amico di Trifone Ragone. L'uomo è nato a Somma Vesuviana e ha conosciuto la vittima due anni fa; Ruotolo divise anche un appartamento con lo stesso Trifone Ragone e altri colleghi della caserma.

La convivenza durò due anni; il sottufficiale dell'esercito, infatti, decise di interromperla per andare a vivere in un'altra casa, insieme alla sua fidanzata Teresa Costanza. Ma chi è Giosuè Ruotolo? Cerchiamo di conoscerlo meglio. 

Ultime notizie delitto di Pordenone, Giosuè Ruotolo si dichiara innocente

Giosuè Ruotolo fu sentito dagli inquirenti nella prima fase delle indagini: già nei mesi scorsi qualcosa non quadrava nelle sue dichiarazioni. L'uomo, infatti, è stato sempre tenuto d'occhio dagli inquirenti. Il ventiseienne, comunque, non pare essere una persona strana: è fidanzato e non ha mai avuto problemi con la legge. Ad incastrare Ruotolo sono state alcune intercettazioni telefoniche: secondo gli inquirenti, l'amico di Trifone Ragone si sarebbe trovato a pochi metri dal luogo in cui sono stati uccisi i due fidanzati di Pordenone.

I migliori video del giorno

Giosuè Ruotolo sarà sottoposto ad interrogatorio tra pochi giorni e darà la sua testimonianza sul giorno in cui avvenne l'orrendo delitto. Il ragazzo è stato intervistato da "NewsMediaset" e si è dichiarato assolutamente innocente: "Proclamo la mia assoluta innocenza, il colpevole non sono io; sono stato sempre amico di Trifone Ragone" ha detto Giosuè Ruotolo, indagato per duplice omicidio. Non è stato lui ad assassinare i due fidanzati di Pordenone? Lo scopriremo nei prossimi giorni, dato che gli inquirenti stanno proseguendo incessantemente le indagini su questo complicatissimo caso.