Mentre prosegue il processo penale a carico di Massimo Giuseppe Bossetti, si profila all'orizzonte la possibilità che l'uomo possa andare agli arresti domiciliari dopo una lunga detenzione. La decisione sarà presa a Brescia il giorno 26 gennaio 2016. Come probabilmente ricorderete, Yara Gambirasio era una ragazzina di 13 anni che studiava con profitto e che frequentava una palestra di ginnastica. E' morta di ipotermia dopo essere stata abbandonata nel campo di Chignolo (Bergamo), a causa della debolezza conseguente alle ferite da arma da taglio subite.

Pubblicità

Inizialmente i sospetti sono caduti su un operaio extracomunitario poi risultato estraneo ai fatti. Era stato coinvolto per un banale errore di traduzione di un'intercettazione telefonica. In seguito per questo turpe crimine è stato coinvolto Bossetti, arrestato mentre era al lavoro in un cantiere.

La vita in carcere

L'uomo ha mal sopportato il regime carcerario, sfogandosi anche con una lettera aperta pubblicata dal quotidiano "Il Giorno". Gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini, che curano gli interessi di Bossetti, dopo alcuni rigetti dell'istanza hanno presentato ricorso contro la decisione della Corte di Assise di Bergamo.

Nell’udienza fissata per il giorno 26 gennaio 2016 il tribunale del Riesame sarà chiamato a pronunciarsi sulla vicenda.

Bossetti continua, intanto, a professarsi estraneo ai fatti, anche se i rilievi sul codice genetico rinvenuto sui leggins di Yara sembrano inchiodarlo alle sue responsabilità. I fatti risalgono all'ormai lontano 26 novembre 2010. Yara uscì dalla palestra dove era solita allenarsi per tornare a casa, ma i suoi genitori non la rivedranno più. La moglie di Bossetti, Marita Comi, continua a difendere a spada tratta il marito, come ha fatto anche in occasione di alcune interviste televisive.

Pubblicità

Nelle prossime settimane ne sapremo di più su questa triste storia. In caso di arresti domiciliari c'è anche la possibilità che all'uomo venga applicata la misura del braccialetto elettronico. Per rimanere informati potete cliccare sul pulsante "segui" vicino al mio nome in alto.