L'annuncio è stato dato dall'agenzia dell'Isis, Amaq, omettendo le informazioni circa il luogo e le modalità dell'accaduto.Sunnita, nato a Binsh, città del Nord-Ovest della Siria, con il nome di Taha Sobhi Falaha, Abu Muhammad al-'Adnani, nei primi anni del Duemila era entrato a far parte della organizzazione di Bin Laden (Al Qaeda).

Arrestato nel 2005 dalle forze Americane, fu rilasciato nel 2010 e nel 2014 annunciò al mondo la costituzione dello Stato Islamico.Nello stesso anno il Dipartimento di Stato Americano, con approvazione dell'Onu, lo ha inserito nella lista dei terroristi ricercati, offrendo una taglia di 5 milioni di dollari per la sua cattura, la seconda per importanza dopo quella di Abu Bakr al Baghdadi, califfo dello Stato Islamico.Secondo i rapporti Usa, Al-'Adnani era stato ferito, nel Nord dell'Iraq, durante un attacco aereo, nel gennaio scorso.

L'uomo della propaganda dell'Isis

Al-'Adnani è stato uno dei primi foreign fighters a partecipare alla insurrezione iraqena ed è segnalato come capo di una unità di intelligence che pianificava complessi attacchi terroristici in Europa.Noto per la sua aggressività, si occupava anche della propaganda dello Stato Islamico e ne era considerato il portavoce. Più volte ha esortato i "lupi solitari" a colpire in Occidente con ogni mezzo.

Noi Occidentali lo ricordiamo per il suo discorso "Invero, il tuo Signore è sempre attento", pronunciato nel settembre del 2015, dal sapore di una fatwa, con il quale intendeva istruire e incoraggiare i lupi solitari che condividevano la linea dell'Isis:

"Se puoi uccidere un infedele o un miscredente Americano o Europeo- specialmente uno schifoso Francese- o un Australiano o un Canadese, oppure ogni altro miscredente che fa la guerra, inclusi i cittadini che sono entrati in una coalizione, contro lo Stato islamico, fai affidamento ad Allah e uccidilo con ogni mezzo.

Schiaccia la sua testa con una pietra, o sgozzalo con un coltello, o spingilo da un luogo alto, o soffocalo, o avvelenalo.

Se i tiranni vi hanno sbarrato la porta per raggiungere lo Stato Islamico aprite la porta del jihad in casa loro: davvero apprezziamo di più un'azione piccola commessa in casa loro che un grande gesto qui, perché così è più efficace per noi e dannoso per loro.

Terrorizzate i crociati, notte e giorno, fino a che ciascuno non avrà paura del proprio vicino".

Lo spirito di Al-'Adnani ha ispirato l'omicidio del soldato Inglese Lee Rigby, avvenuto a Londra nel 2013, ad opera di due esponenti del gruppo terroristico Al-Muhajiroun, vicino alle posizioni dell' Isis, e di altri crimini compiuti con simili modalità sul territorio Europeo negli ultimi anni.Al-'Adnani fu menzionato anche da Larossi Abballa che uccise, nel giugno, scorso una coppia di poliziotti nella loro casa di Magnenville (Francia).

Lo Stato Islamico annuncia lavendetta

Secondo il sito Intel Group, profondo conoscitore delle dinamiche interne dell'Isis, i militanti del gruppo terroristico avrebbero celebrato la morte di Al-' Adnani sui social e avrebbero giurato vendetta per mano di una nuova generazione di militanti che sono nati nella zona del conflitto, minacciando, così, le forze della coalizione.

In realtà la morte di Al-'Adnani ha inferto un duro colpo alla organizzazione terroristica Islamica, che si somma a quello provocato dall'uccisione di Abu Omar al- Shishani, meglio conosciuto come "Omar il Ceceno", all'inizio di quest'estate.Negli ultimi mesi l'Isis ha perso circa 15.000 combattenti (rapporto Usa), grazie anche all'intervento dei Curdi e dello Stato Iraqeno.

Aleppo, nella quale sono rimasti intrappolati circa 300.000 civili, continua ad essere il terreno-chiave della "soluzione finale".Il Governo Siriano continua a ricevere collaborazione dal movimento degli Hezbollah, mentre lo Stato Islamico si è, per il momento, ritirato fuori città a difesa della sua roccaforte Raqqa.