Chi ha di recente preso un volo aereo avrà forse notato la puntualità di arrivo dimostrata da compagnie come Alitalia. Quello che tutti non sanno però, è che alla base di tutto ciò ci sarebbe un trucchetto. Prendiamo ad esempio un volo di Iberia 3256 da Madrid a Milano di domenica 4 marzo. Il comandante di quel volo annuncia ai passeggeri di prepararsi all'atterraggio e allora sorge spontanea la domanda di un passeggero: "Siamo già atterrati? Allora facciamo in tempo a votare".

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

L'aereo è atterrato alle 21:36, precisamente un'ora e 25 minuti dopo l'avvenuto decollo. La cosa ambigua è che il volo arrivato in anticipo era decollato con addirittura 19 minuti di ritardo.

Come ha fatto dunque ad arrivare a destinazione prima del previsto?

Il trucchetto che si cela dietro la puntualità

Secondo alcuni dati, non è la prima volta [VIDEO] che quel volo sopra elencato arriva in anticipo. Iberia a gennaio è stata la quarta compagnia aerea più puntuale al mondo secondo alcuni dati di FlightStats. La classifica in questione è capitanata da Alitalia, che fiera ha annunciato di star cambiando rotta. Quello che appare palese è che quasi tutte le compagnie sembrano aver migliorato la loro puntualità.

A quanto pare, però, questa puntualità avrebbe di fondo un piccolo trucchetto che poi tanto piccolo non è. I tempi previsti vengono infatti prolungati di circa 20/30 minuti rispetto a quelli chi in realtà sono. Il risultato è ovviamente che l'aereo che parte puntuale arriva addirittura in anticipo rispetto al previsto.

I dati che emergono

L'indagine sulla questione è stata svolta dal Corriere della Sera. Sono state prese in considerazione per tale indagine centinaia di rotte di ogni tipo, sia voli internazionali [VIDEO] che di tipo domestico. Le compagnie in questione sono sia low cost che più care. Facendo un esempio, nel 1996 lo scalo di Barcellona per il volo per Madrid prevedeva una durata di 55 minuti, mentre ad oggi si è addirittura arrivati agli 80 minuti da tabellone. Se viene però osservato il tracciamento degli aerei FlightRadar24 nell'apposito sito, si vede che il tempo effettivo è rimasto di 55 minuti e non di 80 come rivelato dalle compagnie.

Air France ed EasyJet annunciano a tabellone 1 ora e 35 minuti per il volo che va da MIlano a Parigi, ma in realtà se si guarda il tempo effettivamente necessario per l'arrivo, questo risulta di un ora e 11 minuti. La stessa cosa si può dire per El Al, Ryanair, Vueling e Alitalia nel volo Roma con destinazione Tel Aviv, che prevede secondo le compagnie 3 ore e 20 minuti, quando in realtà sono necessarie per l'arrivo solo 2 ore e 45 minuti.