Nel giorno della Pentecoste, 20 maggio, il Papa chiama la pace per il Medio Oriente [VIDEO]. L’occasione per la preghiera è la l’omelia della Messa solenne celebrata in San Pietro. Vescovi e sacerdoti hanno partecipato alla liturgia in paramenti rossi: il colore della passione, il colore del sangue.

Dagli atti degli Apostoli, la strada per Gaza

L’incipit è un passo degli Atti degli Apostoli in cui un giovane diacono, Filippo, si trova su una strada desolata che da Gerusalemme conduce a Gaza. E come suona doloroso, [VIDEO] oggi, questo nome! Per Francesco, nel giorno della sua discesa sui discepoli, lo Spirito Santo è come il vento, impetuoso e rigeneratore, capace di diffondere il tepore caldo della concordia e il fresco ristoro della speranza.

Una preghiera per il Venezuela

In questa circostanza, il Papa non manca di ricordare il Venezuela, in cui proprio ora si stanno svolgendo le elezioni per eleggere un nuovo presidente. Ecco che il messaggio diventa universale: che tutti possano ricercare le soluzioni più efficaci per risolvere la grave crisi umanitaria, politica e culturale attuale, lasciando la violenza alla porta. Si invoca a gran voce il rispetto per la vita umana e per la sua dignità, senza distinzioni di colore o camicia.

No al conservatorismo

Il Santo Padre si scaglia, poi, contro il conservatorismo della Chiesa, intimando il mondo cattolico a dire no all’auto-conservazione, per lasciare spazio alla novità di Dio e a nuove stagioni sociali. No alle ansie culturali, ai rinnovamenti repentini e barbarici. No nemmeno alla spasmodica ricerca del lusso e dei piaceri, al timore d’invecchiare e alla solitudine delle coscienze.

L'infanzia del mondo

Quello del mutamento è un nodo centrale dell’omelia: si deve imparare dai bambini, che sono la novità fattasi carne. E la famiglia è il ricostituente per ogni male. In questo secolo di divisioni, il Papa invita al rifugio nel grembo della fede per riscoprire i valori che ci rendono umani, e da lì tornare ad operare nel mondo. Un rinnovamento dello spirito, è quello che chiede Francesco. Una catarsi di quelle silenziose e invisibili, capaci però di sconvolgere il mondo.

Spiegare le vele dello Spirito

Ed è proprio lo Spirito Santo a far rinascere la tenerezza. La Chiesa e l’umanità intera si trovano ad avere un sapore d’infanzia: un rinnovamento d’amore per la giovane Sposa del Signore. Per nuovi aggiornamenti su Papa Francesco, continuate a seguire Blasting News.