Proseguono spedite le indagini degli investigatori su quanto accaduto il 17 febbraio scorso in un noto ristorante di cucina sperimentale situato a Valencia, in Spagna. I fatti sono noti, e li ricordiamo brevemente: una donna di 46 anni, Maria Jesus Fernandez, si era recata insieme alla sua famiglia nell'attività ristorativa, e aveva ordinato un piatto a base di funghi. Poco dopo il dramma, in una giornata che doveva essere di festa: 11 persone, tra cui anche il marito della signora, che quel giorno compiva gli anni, rimasero intossicate. La Fernandez però non c'è l'ha fatta, ed è spirata.

La vicenda ha sconvolto tutta la Spagna, nonché gli stessi proprietari del locale, che preferirono chiudere il locale di loro spontanea volontà, in attesa degli accertamenti delle Autorità. Indagini che, a quanto pare, stanno dando i loro frutti.

Si credeva fosse un fungo conosciuto come 'morchella'

Le prime ipotesi, portarono gli inquirenti ad individuare subito nei funghi la probabile causa del decesso della donna. L'indiziata numero uno, fu una varietà di funghi conosciuta come "morchella". Questo prodotto alimentare, se non viene pulito e cotto bene, può provocare conseguenze non piacevoli sull'uomo, e portare, in taluni casi, anche alla morte. A quanto sembra, non è stata questa varietà a provocare il decesso della 46enne.

Non si tratterebbe neanche di un fungo spagnolo, e neanche europeo, bensì di una varietà cinese, altamente nociva. Gli inquirenti, nel corso della loro attività investigativa, hanno scoperto che i prodotti alimentari sono stati distribuiti da una ditta della provincia di Leon, in più attività di ristorazione della Spagna. La notizia rischia di generare una vera e propria psicosi, immediatamente è scattato un protocollo d'allerta per il ritiro immediato del prodotto dal mercato.

In questi giorni altri casi di intossicazioni

Secondo quanto riferisce la testata giornalistica on-line, Leggo, che cita fonti locali, all'azienda che ha distribuito questi prodotti alimentari sono scattati immediatamente i sigilli. Inoltre, dopo il caso che ha visto coinvolta la sfortunata signora e i suoi familiari, si sono registrati altri casi simili, ma senza conseguenze drammatiche: i media spagnoli parlano di circa 30 casi, le cause dei malori sono sempre da attribuire ai funghi.

Gli inquirenti proseguiranno nelle loro indagini, e non è escluso che nei prossimi giorni ci possano essere ulteriori notizie in proposito.