Dopo giorni di silenzio, che si sono lentamente trasformati in settimane, le ricerche dei due alpinisti del Nanga Parbat potrebbero essere arrivate a una svolta. Il 24 febbraio Daniele Nardi e Tom Ballard avevano fatto sapere che stavano seguendo l’itinerario che avevano precedentemente concordato, e che prevedeva un passaggio per la parete Diamir, conosciuta anche come via Mummery, e utilizzata solo una volta nel 1970 dai fratelli Messner per la loro discesa al campo base.

Successivamente a quel giorno, per le famiglie dei due alpinisti e tutto il resto del pubblico che seguiva la loro scalata è calato il silenzio.

Quando dal campo base ci si è resi conto della gravità della situazione, si è nominato un capo ricerche che tutt’ora sta cercando di localizzare i due uomini. Alex Txikon insieme al suo team, infatti, nelle ultime ore ha raggiunto il villaggio di Ser dato che il campo base da cui erano partiti i due dispersi è stato successivamente smontato e spostato.

Come vengono organizzate le ricerche

Una delle prime volontà di Txikon è stata posizionare un telescopio potentissimo per riuscire a monitorare il tragitto che i due uomini avevano concordato, nella speranza di poter avvistare qualcosa con il miglioramento delle condizioni climatiche. Siccome i km di scalata erano molti, l’investigatore ha deciso di ricontrollare tutti i contatti radio e telefonici per poter ridurre l’area di ricerca, scelta che si è rivelata molto utile dato che sono state fotografate due sagome proprio sulla parete Diamir tra i 6.000 e i 6.200 metri di quota.

Ciò che fa pensare di essere davanti ai corpi di Nardi e Ballard è il fatto che le due sagome abbiano dei giubbotti proprio dei colori dei due alpinisti e che, stando alle ultime comunicazioni, i due si trovavano a 6.300 metri di quota e di essere poi scesi al campo 4, a 6.000 metri.

I problemi politici delle due nazioni interferiscono con le ricerche

Purtroppo, a causa delle forti tensioni tra l’India e il Pakistan per la regione del Kashmir, le ricerche sono nuovamente bloccate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Sport Invernali

Nonostante gli sforzi delle squadre di ricerca, sembra che lo spazio aereo sia stato chiuso e che di conseguenza non sia possibile effettuare e portare a termine la ricognizione mediante gli elicotteri dell’aviazione militare pakistana.

Txikon è stato così costretto a posticipare la missione e scegliere un nuovo punto di atterraggio, successivamente sarà riportato al campo base del K2 per riconsegnare gli effetti personali e le informazioni riguardanti il tutto a degli incaricati che provvederanno a portare il tutto in Italia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto