È stata di brevissima durata la "fuga rocambolesca" del giovane detenuto albanese, Luca Leke, evaso dalla Casa Circondariale di San Giuliano (Erice-Casa Santa) a Trapani. Il detenuto, infatti, è stato catturato nelle ore successive nella campagne tra Fulgatore e Ummari, frazioni trapanesi.

Il plauso della Uilpa Polizia Penitenziaria

Tempestivo il plauso della Uilpa Polizia Penitenziaria in merito all’arresto, da parte del S.

Commissario nazionale Armando Algozzino e del segretario generale del sindacato in Sicilia, Gioacchino Veneziano.

"Grazie all'intervento del Corpo di Polizia e dei Carabinieri - hanno sottolineato Algozzino e Veneziano – ancora una volta il peggio è stato scongiurato mettendo in campo tutta la professionalità e l'impegno delle due compagini statali di sicurezza per catturare quello che si è rivelato un "fuggitivo recidivo" dopo la sua fuga dal carcere di Civitavecchia.

Sottolineando e ribadendo la necessità di porre elevata l'attenzione nel territorio del trapanese, attualmente fulcro di una protesta indetta dai poliziotti penitenziari, Algozzino e Veneziano manifestano il proprio apprezzamento nei confronti degli agenti impegnati nelle strutture penitenziarie e vicinanza in quanto rappresentanti della sigla sindacale.

Una pessima abitudine

"Questo nuovo episodio - hanno affermato - esprime chiaramente quella che è la gravità non più sostenibile della situazione ed è necessario che la politica e l'amministrazione pubblica si sforzino di affrontarla e risolverla, a Trapani così come altrove, per evitare che essa sfugga di mano e metta a rischio il personale già eccessivamente stanco.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Nulle, però, sono le attestazioni di stima non supportate da fatti concreti e tangibili e tale concretezza può essere raggiunta attraverso l’assunzione di nuovo personale e l'inasprimento delle pene per chi evade, per chi anche solo cerca di evadere e per chi aggredisce gli agenti penitenziari".

La storia che non si deve ripetere

La fuga, seppur breve, del giovane detenuto, è un episodio non isolato che porta alla luce un fenomeno in crescita causato dalla riduzione costante degli organici, dovuto principalmente alla legge Madia e al riordino delle carriere.

Un problema che necessita, da parte dell'amministrazione e della politica, un intervento quanto più efficace e tempestivo possibile per tutelare l'incolumità di chi svolge, ogni giorno il proprio lavoro nel comparto sicurezza, ma anche quella della collettività potenzialmente a rischio a causa della pericolosità dei soggetti evasi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto