Un uomo di 59 anni, V.T queste le sue iniziali, è stato tratto in arresto nella giornata di ieri 31 luglio dagli agenti della Polizia di Stato di Lecce su una spiaggia salentina della marina di Torre Chianca. Secondo quanto riferiscono i media locali, il 59enne si trovava nel Salento per una vacanza - lavoro, ed è stato fermato per un controllo di routine dai militari. A seguito degli accertamenti è emerso che l'uomo era ricercato a seguito di una condanna per rapina, commessa nel 2019. Dovrà infatti scontare ancora una pena di due anni, cinque mesi e ventotto giorni.

Il 59enne portato presso il carcere di Lecce

Secondo quanto riferisce Napoli Today l'uomo è stato portato presso il carcere di Borgo San Nicola a Lecce dove è a disposizione dell'autorità giudiziaria. Già in data 30 gennaio 2019 la Procura della Repubblica partenopea aveva emesso a carico del 59enne un'ordinanza di carcerazione. Il venditore di cocco è stato fermato dagli agenti in via Mare Jonio. Torre Chianca è una delle marine più conosciute del Salento e si trova ad una decina di chilometri dal comune capoluogo, sul mare Adriatico. Per l'uomo campano quella nel Salento, come già detto, doveva essere una vacanza/lavoro. Non si sa con precisione quando effettivamente l'uomo abbia raggiunto il Salento per cominciare a lavorare.

Sulla vicenda sono comunque ancora in corso i relativi accertamenti da parte delle forze di polizia: non è escluso che nelle prossime ore, o al massimo nei prossimi giorni, sul caso possano conoscersi ulteriori dettagli. Per motivi di privacy non si rendono note le generalità complete dell'arrestato.

L'uomo si era reso già irreperibile nel 2019

Dai media campani si apprende che il 59enne arrestato nella giornata di ieri 31 luglio a Torre Chianca era già irreperibile dal gennaio 2019, quando appunto gli investigatori emisero a suo carico l'ordinanza di carcerazione. Quello del venditore di cocco è un mestiere molto diffuso sulle spiagge italiane e diverse persone, ogni anno, anche per arrotondare in un periodo di crisi economica, si recano sulle spiagge per vendere questo frutto rinfrescante ai frequentatori delle spiagge.

La notizia di quanto accaduto nella marina leccese si è diffusa in breve tempo in tutta la provincia. Quanto successo non è il primo episodio del genere che si verifica in Italia. Alcuni giorni fa, precisamente il 28 luglio, un uomo di 45 anni, originario sempre di Napoli e ricercato dalle forze dell'ordine, cercò si sfuggire all'arresto gettandosi in mare. Mentre l'uomo tentava di seminare gli agenti a nuoto, i militari lo hanno inseguito con il pattino in dotazione ai bagnini di salvataggio. Il 45enne si era spostato presso una marina della provincia partenopea insieme alla famiglia.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!