La chiusura delle attività in questi ultimi due mesi ha coinvolto anche le librerie naturalmente ma, mentre pian piano si lavora per la riapertura di queste ultime, nella città di Domodossola una libreria storica si dà da fare portando Libri a domicilio: si tratta della libreria Grossi e i libri arrivano a casa a bordo di una bicicletta.

La brillante iniziativa della libreria Grossi

La libreria Grossi aveva deciso di chiudere l’attività già prima del decreto del governo, l’11 marzo, ma in questi mesi è riuscita comunque a trovare un modo per soddisfare adeguatamente i propri clienti. I fornitori ovviamente continuavano a consegnare le novità del momento, catalogate e posizionate e, a seguito di ciò, sono cominciate le consegne a domicilio.

Le richieste sono tante, la gente parrebbe aver ripreso a leggere più di prima visto il maggior tempo a disposizione e le ordinazioni vengono raccolte tramite sms e social, le opzioni fornite dalla tecnologia di cui di questi tempi non si può più fare a meno.

Ad occuparsi delle consegne in bicicletta è Erica Grossi, la quale porta avanti l’attività di famiglia insieme al padre Sandro e allo zio Luigi, titolari della libreria di Piazza Mercato, cuore pulsante di Domodossola stessa: i due le danno anche una mano durante la sua giornata visto che Erica deve anche occuparsi del figlioletto Leonardo che, naturalmente, non può al momento essere affidato ad asili, nonni o baby sitter.

Una buona organizzazione con marito e familiari permette quindi alla donna di occuparsi anche dei suoi clienti e di portare loro libri, scambiati persino come regali nella Pasqua appena passata.

Le mamme per lo più richiedono libri illustrati che mostrino lavoretti da fare a casa con i figli per intrattenerli e far passare loro il tempo mentre, di contro, le ultime uscite sono meno ricercate e arrivano un po’ in ritardo.

La libreria Grossi sta decisamente mettendo anima e cuore per donare un po’ di libri e normalità ai propri concittadini creando persino dei video sui social per dare consigli di letture e adoperandosi per uscire dalla cittadina e raggiungere i clienti anche in altri paesi: arrivano infatti anche dalle valli delle richieste e la libreria fa di tutto per portare un po’ di luce tramite i libri.

La storica libreria e iniziative simili a Roma

La libreria che si affaccia sull’elegante e rinascimentale Piazza Mercato è stata fondata nel lontano 1936 da Giovanni Grossi, originario di Montescheno in Valle Atrona ma appartenente a un’antica famiglia di montanari ossolani. Oggi appartiene ai figli Sandro e Luigi e fin dagli inizi svolge un ruolo fondamentale nella cultura di Domodossola, promuovendo la cultura.

Anche in questo periodo segnato dall’emergenza le librerie si rivelano un vero e proprio punto di riferimento e, insieme alla libreria Grossi naturalmente anche altre hanno intrapreso questo nuovo modo di portare libri a casa. Per esempio a Roma la libreria Coreander a Piazza San Giovanni in Laterano si è attivata e ha deciso di consegnare gratuitamente libri a domicilio e, per agevolare le persone, permette anche di pagare col Bancomat, offrendo al contempo consulenze per telefono.

La cultura non si ferma neanche in quarantena.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la pagina Libri
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!