Dopo le offerte non vincolanti ricevute per un portafoglio NPL da circa 2,5 miliardi, messo all'asta negli ultimi mesi, Banca Intesa dovrebbe aver selezionato una short list di 3 concorrenti finali che dovrebbero inviare le offerte vincolanti all'inizio del nuovo anno.

Secondo indiscrezioni raccolte dal "Sole 24 Ore", sarebbero stati selezionati Cerberus Capital Management, Apollo Global Management e una cordata composta da Christofferson Robb & Company assieme a Bayview, coadiuvati dallo special servicer Prelios.

Pubblicità

Il portafoglio in vendita

L'operazione, organizzata dalla divisione "Capital Light Bank" e battezzata "Beyound the Clouds", dovrebbe comprendere un portafoglio per il 30%, costituto da crediti in sofferenza assistiti da garanzie ipotecarie. Con riferimento alla tipologia delle controparti, si tratterebbe per lo più di clientele corporate.

Nella prima fase erano pervenute offerte non vincolanti da almeno 7 potenziali acquirenti. Oltre ai soggetti ammessi alla short list finale, avevano inviato offerte Fortress Investment Group, proprietario del più grande special servicer attivo in italia (Italfondiaro-DoBank); Kkr che aveva già dato vita al progetto "Pillarstone" sui crediti incagliati (sempre con Intesa e Unicredit); Lone Star, titolare della piattaforma CAF per la gestione dei crediti, e AnaCap Financial Partners.

Un mercato in crescita

Aggiungendo quest'operazione alla cessione da 17,7 miliardi pianificata da Unicredit e all'operazione da 27 miliardi di Monte dei Paschi di Siena, che potrebbe riproporsi anche parzialmente nel 2017, si conferma il trend positivo del mercato Npl che, secondo PWC, potrebbe valere 50 miliardi quest'anno.

A tal proposito, potrebbe arrivare un contributo positivo anche dal decreto salvabanche, predisposto dal governo per supportare gli istituti di credito in difficoltà. Secondo l'agenzia di rating Moody's, questo provvedimento potrebbe ridurre i rischi di contagio per le banche più forti, a seguito della risoluzione di quelle più deboli e, in questo modo, agevolerebbe le operazioni di cessione dei Npl.

Pubblicità