Il presidente del Consiglio e leader del PD Matteo Renzi, intervenendo alla Festa dell’Unità di Roma, ha incontrato iscritti e simpatizzanti del Partito Democratico, soffermandosi in particolare sulla riforma Pensioni da inserire nella prossima Legge di Stabilità per il 2016. Il segretario dei Democratici ha ribadito, proprio con l'intento di fugare sospetti e cattive interpretazioni del suo pensiero, tranquillizzare gli elettori della volontà dell'esecutivo da lui presieduto sul piano della riduzione fiscale che aveva già anticipato e sulla riforma della Legge Fornero. Ricordiamo a tal proposito che il Matteo nazionale aveva difatti già annunciato all'assemblea nazionale del partito democratico a Milano nei padiglioni dell'Expo, una corposa revisione del sistema fiscale italiano, seppure gradualmente, ed una “controriforma” della legge Fornero del dicembre 2011, interventi che dovevano compiersi entro il 2018, anno di scadenza del suo mandato con l'estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati. Tali annunci, fatti con l'intento di avvicinarsi alle posizioni espresse da quella parte del suo partito che gli contesta di essersi troppo allontanato dai rappresentanti sociali dei lavoratori e cioè i sindacati, coglievano anche il consenso critico della sua minoranza interna. Stesso effetto oggi, con l'intervento a Roma alla festa dell'Unità.

Pubblicità

Vediamo nel dettaglio il Renzi pensiero alla festa dell'Unità a Roma

Renzi ha ribadito l’impegno del suo Governo per il superamento delle rigidi norme contenute nella Fornero. Occorrono requisiti più flessibili per l’uscita dal lavoro in cambio pensioni un po più basse ed ha anche espresso l'intenzione di aumentare i trattamenti previdenziali minimi. In pratica ha lasciato intendere che verrebbe scartata l'ipotesi Boeri del calcolo contributivo allargando le braccia verso la riforma proposta dal suo compagno “contestatore” Cesare Damiano. Probabilmente i sondaggi elettorali ma, riteniamo, soprattutto l'esito deludente delle ultime regionali, lo stanno portando a più miti consigli e ad un'apertura verso chi lo contesta dall'interno proprio su queste problematiche?

Vedremo a breve se le affermazioni del presidente del consiglio avranno un riscontro veritiero. I tempi per la legge finanziaria 2016 non sono poi tanto lontani.

Seguiteci, come sempre vi terremo aggiornati. Intanto per ricevere aggiornamenti potete cliccare su  “Segui” posto in alto sopra al titolo.