Un comunicato Anief circa le mancate assunzioni 2015/16 della fase C, tanto promesse dal Miur, includeva alcune riflessioni su coloro che saranno assunti. Proprio da questo comunicato abbiamo preso il termine 'prof Jolly'. Il sindacato presieduto da Marcello Pacifico, faceva notare che dato che la fase C che riguarda il potenziamento dipende dalle richieste dei collegi docenti delle varie scuole, è impossibile dare per scontato che i docenti che hanno presentato domanda corrispondano alle effettive necessità dei vari Istituti. Da qui il rischio che vadano perse molte immissioni in ruolo. Ma non solo.

Pubblicità
Pubblicità

Ci saranno prof Jolly dopo le il piano di assunzioni straordinario 2015/16?

Che a questo punto delle assunzioni 2015/16 vi siano diverse classi di concorso senza più insegnanti presenti nelle Graduatorie a Esaurimento e in quelle di merito è un dato di fatto. Mancano insegnanti di sostegno, di cinese, di matematica e altro. Allo scopo di tappare la falla, il Miur ha dato indicazione agli Usr affinché i collegi docenti non indichino le singole classi di concorso da potenziare, ma le aree disciplinari.

Pubblicità

Così, spiega Marcello Pacifico, avvalendosi di cdc atipiche e affini, alla Scuola vengono assegnati nuovi insegnanti senza abilitazione specifica in modo che il dirigente li possa utilizzare in base alle necessità: una sorta di prof Jolly. Quali sarebbero i risultati di una situazione simile?

L'epilogo

Se questo succedesse veramente, Pacifico lo definisce un epilogo triste della riforma, che comporterebbe disagio ai docenti che devono insegnare materie che non conoscono bene e danno agli studenti, che si ritroverebbero con insegnanti non del tutto competenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

La cosa più triste di tutte, però, è che i docenti per le materie mancanti ci sono. Esistono delle graduatorie di Istituto, ma il governo si ostina a tenerli fuori dal piano in attesa del concorso a cattedra. Insomma, un altro tassello della 'buona scuola' di Renzi che non va al suo posto. O per usare le parole di Anief, 'un piano nato zoppo prima ancora di nascere'. Resta aggiornato sul mondo della scuola, cliccando il tasto Segui che trovi in alto vicino al titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto