Gianluca Vacca, deputato del M5S, non ci pensa due volte a parlare di come le nuove assunzioni previste con la fase C  del piano straordinario di Renzi potrebbero intaccare il bilancio Miur e portare a nuovi tagli sulla Scuola. A riferirlo è il sito Orizzonte Scuola, che illustra l'opinione del deputato Vacca e le motivazioni che stanno alla base di questa preoccupazione. Infatti, anche se assumendo i docenti in ritardo, nel mese di novembre, vi è stato un grosso risparmio economico, dal momento della presa di servizio gli stipendi andranno pagati puntualmente ogni mese. Ce la farà il Miur?

Pubblicità
Pubblicità

Bilancio Miur e nuove assunzioni scuola 2015

Qualche giorno fa il Miur ha annunciato di aver stanziato 93 milioni di euro, ma il M5S aveva parlato di tagli sulla scuola per quasi 1 miliardo e mezzo. Da cosa nasce questa differenza di cifre? Vacca spiega che i finanziamenti della Buona Scuola in realtà non sono denaro aggiuntivo, ma tagli fatti a università, ricerca e ATA. I soldi di cui parla il Miur sono quelli destinati al Fis per l’a.s 2014/2015.

Pubblicità

Il ragionamento che riguarda il futuro bilancio Miur è semplice. Assumere 55mila docenti in più ha un costo considerevole. A partire dal 2016 questo costo diventerà mensile e considerata la fretta con cui il tutto è stato concepito, il timore che i conti non siano stati fatti bene prende piede. E se mancano i soldi, dove si dovranno reperire? Il tutto potrebbe tradursi, dice Vacca, 'in tagli ai servizi dei cittadini'.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Un altro timore che da tempo ha il partito M5S, è che le deleghe in bianco della legge 107 possano servire ad aumentare le ore di lavoro dei docenti, senza un ritocco agli stipendi . Naturalmente si tratta di timori, che al momento non trovano riscontro. Ma considerato il modo in cui la riforma della scuola è stata realizzata, le paure del Movimento 5 Stelle sono condivise anche da molti docenti. Resta una domanda indotta dalla logica: che senso ha assumere migliaia di docenti, se poi ciò renderebbe necessari altri tagli alla scuola?

Speriamo che il Governo, nel fare i suoi conti, la logica l'abbia usata. Resta aggiornato sulla scuola, cliccando il tasto Segui in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto