Dopo il respingimento delle proposte di emendamento alla legge di stabilità, i correttivi sulla riforma pensionistica 2015 - 2016 sembrano essere destinati ad un nuovo esame presso la Commissione bilancio della Camera dei Deputati. Le aspettative dei lavoratori restano però le stesse, ed anzi i soggetti coinvolti chiedono a gran voce un intervento risolutivo per le tante situazioni di disagioancora irrisolte ed avviatesi con la legge Fornero nell'ormai lontano 2011. È bene ricordare che il prossimo 3 dicembre i lavoratori esodati scenderanno in piazza per chiedere l'ampliamento della platea dei soggetti tutelatiin favore dei 30.000 individui che l'Inps sembra voler considerare come disoccupati in età avanzata.

Mentre le lavoratrici con opzione donna rivendicano il diritto alla quiescenza anche se nate nell'ultimo trimestre 1958. Da sottolineare infinela vicenda dei lavoratori precoci, per i quali un emendamento (anch'esso bocciato in Senato) proponeva l'uscita anticipata dal lavorocon il meccanismo del prestito pensionistico.

Pensioni e Manovra 2016, la politica punta ad inserire dei correttivi nel dibattito alla Camera dei Deputati

Stante la situazione, la responsabilità politica di un intervento sulle tante situazioni di disagio previdenziale e occupazionale in età avanzata passa alla Camera dei Deputati.

"Il testo del Governo presenta diverse divergenze rispetto all'elaborato della Camera, sulle quali dovrà esserci necessariamente un confronto". A spiegarlo è il Presidente della Commissione lavoro Cesare Damiano, commentando le proprie proposte di riforma del capitolo Pensioni. Riguardo lasettima salvaguardia l'esponente della minoranza Dem sottolinea come la partita allo stato attuale non possa ancora considerarsi come risolta, mentre in relazione all'opzione donna si punta a correggere l'aspettativa di vita.

"Poi c'è il tema della flessibilità in uscita: proporremo alla Camera la richiesta di una sperimentazione della flessibilità previdenziale, in attesa che il Governo presenti il piano di riforma della legge Fornero nel 2016".

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione qualora desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito, mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulla riforma della previdenza vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che vedete in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!