Quanti docenti conoscono la riforma scuola contenuta nella legge 107/2015, ideata da Renzi e dal suo Governo? Le proteste che fino ad oggi sono state portate avanti, sono giusitficate? Secondo il premier Renzi, no. Il Corriere della Sera riporta uno stralcio di dichiarazione che lo stesso Matteo Renzi ha rilasciato a Bruno Vespa, consultabile nel suo nuovo libro intitolato "Donne d'Italia", edizione Mondadori. Lì il Presidente del Consiglio afferma che sebbene avesse messo in conto le contestazioni, alcune sue amiche insegnanti hanno partecipato agli scioperi senza conoscere realmente la riforma.

Dichiarazione che molti docenti non hanno affatto apprezzato.

Conoscete la riforma scuola della legge 107/2015?

Secondo quanto riferito da Renzi sul tema Scuola, riforma, docenti e contestazioni, molte insegnanti amiche sue gli hanno detto di non aver protestato perché ce l'avevano con lui, ma solo perché volevano che si prestasse più attenzione al mondo scolastico. Al che il premier ribatte facendo notare che alla scuola non è stata data affatto scarsa attenzione, perchè sono stati dati più soldi alle strutture, più soldi ai docenti e si è rivoluzionato il modo di far istruzione.

Poi il leader del PD parla della necessità di 'ribaltare il senso di stanchezza dei nostri docenti', non senza affermare che sono molto bravi (quasi sempre).

Renzi e il rapporto con la scuola

Matteo Renzi non manca di chiamare in causa l'episodio avvenuto a Siracusa, in cui un gruppo di bambini ha cantato una canzoncina in suo onore, 'causando l'inferno'. Il riferimento è alle critiche mosse da alcuni esponenti politici, come Beppe Grillo e Anna Ascani che hanno ritenuto l'episodio indegno e offensivo verso le famiglia e la Costituzione, una sorta di violazione ad un luogo sacro come la scuola, paragonato agli incontri di Mussolini con i figli della Lupa.

Sarebbe questo il motivo scatenante della sua interruzione di visite nelle scuole, che lui ha definito ua sorta di 'rispetto istituzionale'. Cosa ne pensate voi di queste affermazioni? Lasciate pure un commento con la vostra opinione.

Per restare aggiornato sul mondo della scuola, clicca il tasto Segui.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!