Finalmente i tanto attesi bandi del Concorso a cattedra 2016 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, quarta serie speciale, Concorsi ed esami n. 16 del 26 febbraio 2016. La partecipazione a tali concorsi è riservata ai soli docenti precari in possesso di abilitazione o idoneità all'insegnamento specifico per classe di concorso e per quanto riguarda i docenti i Scuola dell'infanzia e scuola primaria, che siano in possesso del diploma di scuola magistrale o istituto magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002 come è stato disposto dal Decreto del Presidente della Repubblica del 25 marzo 2014.

Non potranno partecipare al concorso gli insegnanti già assunti a tempo indeterminato nella scuola statale, come è stato stabilito dalla legge n. 107/15. Per quanto riguarda i posti per il sostegno, i candidati dovranno essere in possesso di specifica specializzazione, coloro che sono in possesso di tale specializzazione possono presentare domanda sia per posti di sostegno sia per posti comuni.

Quando e come presentare le domande

Le domande per partecipare al Concorso potranno essere presentate a partire dalle ore 8 di lunedì29 febbraio ed entro e non oltre le ore 14 del 30 marzo e dovranno essere compilate ed inviate tramite leistanze online sul portale del Ministero della pubblica istruzione.

Per chi volesse informazioni più dettagliate o un aiuto nella compilazione della domanda e tutte le varie procedure necessarie potrà usufruire del servizio di assistenza telefonica che sarà attivato dal 29 febbraio. Il numero 0809267603 sarà a disposizione degli utenti dal lunedì al venerdìnei seguenti orari: la mattina dalle ore 9 alle ore 13 ed il pomeriggio dalle ore 14 alle ore 18.

Calendario delle prove scritte

Sulla Gazzetta ufficiale del 12 aprile 2016 sarà pubblicato un avviso per diffondere le date in cui si svolgeranno le prove scritte, presumibilmente alla fine del mese di aprile o all'inizio del mese di maggio. Per quanto riguarda invece le prove orali si suppone potranno svolgersi verso il mese di luglio. Ulteriori chiarimenti e notizie in merito saranno pubblicati sul sito del Miur nei prossimi giorni.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!