Annuncio
Annuncio

Le pensioni ed il reddito di cittadinanza [VIDEO] saranno disponibili già a partire dal mese di settembre del 2019, grazie all'inserimento dei provvedimenti all'interno della Manovra in approvazione entro la fine dell'anno. È quanto conferma il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, ricordando che l'obiettivo è quello di contrastare la povertà e le situazioni di disagio che vivono tanti cittadini nel nostro Paese. Tanto che l'esponente pentastellato non esita a parlare di "una misura protagonista" all'interno della Manovra, con la quale si provvederà ad innalzare gli assegni minimi fino a 780 euro mensili.

Ma lo stesso esponente del Governo ci tiene però a precisare che non sarà un'elargizione a pioggia, pertanto "non diamo soldi a nessuno per stare sul divano". La misure di tutela sarà probabilmente legata ad un esame della situazione generale della famiglia (ad esempio attraverso l'Isee), mentre ai destinatari sarà richiesta una partecipazione attiva alla ricerca di un nuovo lavoro ed alla vita comunitaria.

Advertisement

Assegni di cittadinanza, verso una riorganizzazione del welfare pubblico

Stante la situazione appena descritta, è chiaro che l'avvio delle nuove misure assistenziali vedranno concretizzarsi un contemporaneo ripensamento del meccanismo di funzionamento del welfare pubblico. È così che con molta probabilità si arriverà ad una conclusione del nuovo Reddito di inserimento avviato con il Governo Gentiloni. Di sicuro la questione appare delicata, anche perché non tutti nella maggioranza sembrano condividere l'urgenza della misura. Dalla Lega si è più volte sottolineato nelle scorse settimane come la priorità andrebbe data alla flessibilità previdenziale, mentre l'esperto di previdenza Alberto Brambilla ha addirittura etichettato il provvedimento come una follia vista l'entità delle risorse che è necessario reperire per la copertura.

Advertisement

C'è poi chi ritiene poco equo garantire una pensione [VIDEO] a chi magari in vita sua non ha mai effettuato alcun versamento contributivo all'Inps. Insomma, quelli relativi alle coperture non sono gli unici conti che non tornano in merito ai nuovi provvedimenti di welfare che il Governo si appresta ad inserire nella legge di bilancio 2019.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori qualora desiderino aggiungere un commento nel sito o nella pagina Facebook "Riforma Pensioni e Lavoro" in merito alle ultime novità su welfare e previdenza [VIDEO] riportate nell'articolo.