Nuova gaffe per il ministro dei Trasporti Toninelli, firmatario del discusso provvedimento che ha introdotto nel mercato automobilistico italiano l'ecobonus per i modelli più ecologici e l'ecotassa per quelli più inquinanti. Durante la puntata di Tg2 Motori del 17 marzo, una rubrica dedicata ai motori che va in onda ogni domenica, il ministro Toninelli siede al volante di un'auto elettrica, accompagnato dalla conduttrice Maria Leitner. Il clima è disteso, un'occasione buona per illustrare i provvedimenti del dicastero presieduto da Toninelli, che ad esempio ha voluto sostituire le auto blu del ministero con auto elettriche.

Pubblicità

Ebbene, interrogato bonariamente sull'auto guidata in famiglia da Toninelli, il Ministro dei Trasporti ha spiegato di avere acquistato, insieme alla moglie, una Jeep Compass Diesel: la gaffe è servita in tempo reale, questo perché tale modello è soggetto ad ecotassa e non si presta benissimo all'immagine green che il M5S vorrebbe dare.

La conduttrice al ministro: 'Ora finiamo su tutti i giornali'

Prima a scherzare sulle rivelazioni del ministro è stata la conduttrice Maria Leitner, dichiarando "ora finiamo su tutti i giornali".

Dietro l'ammissione del ministro Toninelli non c'è troppo da scherzare, però. Il provvedimento sull'ecotassa sta causando alcune distorsioni sul mercato italiano, in pesante calo nei primi mesi del 2019. Le vetture che ricevono l'ecobonus governativo sono elettriche e ibride di nazionalità soprattutto giapponese e francese, dunque il provvedimento non è stato esattamente concepito come volano di sviluppo dell'industria motoristica italiana. Il rischio di ecotassa per diversi modelli del gruppo Fca, aveva portato a dichiarazioni molto fredde del ceo Mike Manley, pronto a rivedere il piano di investimenti di 5 miliardi di euro per gli stabilimenti italiani.

Pubblicità

Fca pronta a favorire il passaggio all'auto elettrica

La crisi sull'ecotassa si è in parte assorbita con il trascorrere delle settimane. Manley ha anche confermato gli investimenti, sono arrivate le firme dei sindacati ed Fca si è impegnata ad introdurre le elettriche e le ibride in gamma. Sono state così annunciate ci sono la Fiat 500 Elettrica e novità Alfa Romeo e Jeep mild hybrid. Insomma, adesso bisogna favorire in tutti i modi il passaggio all'elettrico, ma la scelta del ministro dei Trasporti per una vettura diesel potrebbe non aver dato il miglior esempio possibile per una mobilità sostenibile.