L'otto marzo è stato indetto uno sciopero di 24 ore da parte delle donne e di tutto il mondo femminista. In tutta Italia si susseguono gli appuntamenti durante l' intero arco della giornata con piazze tematiche su lavoro, studio e libertà personali. Le sigle sindacali di base (usb) hanno indetto la giornata di sciopero in modo che la protesta sia accessibile a tutte.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi, a cosa serve uno sciopero femminista?

A coloro che si chiedono l' utilità di uno sciopero femminista nel 2017, le organizzatrici della giornata rispondono "se della vita della donna si può disporre (fino a provocarne la morte) perché considerata inferiore, o comunque di poco valore, allora le donne sfidano la società a vivere e produrre senza di loro ". Lo sciopero è una forma di lotta fondata sul blocco della produzione e sarà proprio l' assenza dei soggetti che lo mettono in atto a sottolineare l' importanza del loro ruolo in ambito scolastico, familiare e professionale.

Lavorare a Milano negli anni del boom: la signorina Kores e le altre - secondowelfare.it
Lavorare a Milano negli anni del boom: la signorina Kores e le altre - secondowelfare.it

Uno sciopero quindi per protestare contro le dimissioni in bianco e contro uno stipendio inferiore rispetto agli uomini, a parità di mansioni. La giornata dell' otto marzo non sarà incentrata solo sul possibile ruolo professionale rivestito dalle donne, ma anche su tutta la sfera delle libertà personali e di autodeterminazione sul proprio corpo, in particolare l' ambito della sessualità: dallo stupro all' aborto. Nella società contemporanea le donne vittime di violenza ( che sia domestica o inflitta da estranei ) sono costrette a difendersi da accuse di comportamenti lascivi e provocatori.

Pubblicità

Allo stesso modo, da un altro punto di vista, le donne che prendono la difficile decisione dell' interruzione di gravidanza sono costrette a subire 23 respingimenti per obiezione di coscienza, mentre i novanta giorni trascorrono e il mercato degli aborti clandestini ingrassa.

A cento anni da quell' otto marzo 1917 è giusto tornare nelle strade, per protestare e scioperare contro una società che discrimina in base al genere e produce profitto su questa discriminazione.

Per tutti gli appuntamenti nelle varie regioni: www.nonunadimeno.wordpress.com

Leggi tutto