Sono ormai passati due mesi dalle elezioni del 4 Marzo 2018, ma ancora ben poco si sa su come si risolverà questo stallo politico che vede necessariamente la presenza di una maggioranza parlamentare con Lega Nord o Movimento 5 Stelle che rappresentano in modo chiaro i due movimenti che sono usciti vincitori dalle Elezioni politiche. Ben poche sono le speranze di un'intesa alle consultazioni di lunedì quando il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrerà tutti i gruppi parlamentari.

Intanto continuano le rilevazione dei sondaggi elettorali per comprendere quali siano gli attuali trend politici.

Sondaggi al 5 Maggio 2018

I sondaggi, pubblicati sul sito del Corriere della Sera, si discostano dalle elezioni del 4 marzo ma mantengono le stesse gerarchie: il centro-destra continua ad essere la prima forza Politica con la Lega Nord che sembra in grande spolvero aumentando i consensi e passando in una sola settimana dal 19,5% al 21,2%. Matteo Salvini sembra essere ormai diventato l'unico interlocutore con gli elettori di centro-destra con il rischio per gli altri tre partiti del centro-destra di essere fagocitati dall'ex europarlamentare leghista.

Forza Italia interrompe le perdite e guadagna lo 0,2% su base settimanale attestandosi al 13,1% mentre non può sorridere assolutamente Giorgia Meloni che con Fratelli d'Italia registra una perdita dello 0,6% dei consensi arrestandosi al 3,6%. In leggero rialzo anche Noi con l'Italia - Unione di Centro che non riescono a raggiungere neanche all'1% fermandosi allo 0,9%. L'intera coalizione di centro-destra si attesta comunque sul 38,8% che ancora è troppo lontano da quel 40% che garantirebbe la maggioranza nelle due Camere parlamentari.

Buon rialzo anche per il Movimento 5 Stelle che in una settimana conquista lo 0,2% passando dal 33,5% al 33,7% mentre dal 4 marzo ha registrato un guadagno dell'1%. L'atteggiamento di Di Maio sembra perciò piacere agli italiani che sembravano aver anche apprezzato la proposta di Grillo sul referendum sull'euro. Chi invece continua a soffrire e perdere consensi in modo preoccupante è il Partito Democratico che in una settimana passa dal 19,5% al 18,3% con le discussioni che sembrano ledere irrimediabilmente i consensi del partito principale di centro-sinistra.

Per rimanere aggiornato su altre informazioni relative al mondo della politica e ai sondaggi elettorali clicca sul tasto Segui così da ricevere una notifica qualora venisse pubblicato un articolo su questi interessanti e delicati temi.

Segui la nostra pagina Facebook!