Matteo Renzi attacca Luigi Di Maio e lo fa con parole piuttosto pesanti intrise di sarcasmo: "Non è più lucido, capisco lo stress di lavorare soprattutto per chi non vi è abituato", L'ex Presidente del Consiglio non ha gradito le esternazioni del Ministro del Lavoro relativamente all'elezione a Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura del deputato del Pd David Ermini. Un evento che ha scatenato l'ira di tutto il Movimento Cinque Stelle, a partire dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede fino ad arrivare al leader pentastellato.

Pubblicità
Pubblicità

Nel nome di Ermini si vede una figura vicinissima a Renzi e che rappresenta, nelle dichiarazioni di Di Maio, la prova provata dell'esistenza di un "sistema" che resta ancora in piedi e che lotta contro il M5S e l'attuale Governo.

Renzi replica su Facebook

Matteo Renzi, attraverso il suo profilo Facebook, ha prodotto un'articolata risposta a Di Maio. L'ex segretario del Pd ha avuto modo di sottolineare come l'elezione di Ermini sia espressione anche dei voti del Movimento Cinque Stelle e con un po' di ironia si chiede se ci sia stato un complotto a sua insaputa.

Pubblicità

"Ermini - sottolinea Renzi - è stato eletto grazie al voto dei togati che, a loro volta, sono stati eletti dai giudici di tutta Italia". Poi evidenzia come ci fosse da scegliere tra due professionisti del diritto: uno eletto dal Pd e un altro della piattaforma Rosseau. "Non è possibile - tuona Renzi - dire che se vince Rosseau è democrazia, se vince uno del Pd è complotto".

'Ieri mi ha dato dell'assassino, oggi attacca i giudici'

Tra le righe del suo post Renzi si pone diversi interrogativi finalizzati ad evidenziare alcuni comportamenti e dichiarazioni di Di Maio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Pd

L'ex Sindaco di Firenze si chiede come mai prima sia stato detto che le elezioni del 4 marzo avrebbero segnato la sua fine politica e nonostante ciò continuino ad arrivare attacchi dall'attuale Ministro del Lavoro. La parte più dura, però, arriva quando prova a fare il punto su una serie di dichiarazioni dai toni forti degli ultimi giorni. "Ieri mi ha dato dell'assassino, oggi attacca i giudici", dice Renzi parlando di Di Maio ed mettendo in evidenza come questi comportamenti siano il sintomo di una scarsa lucidità dettata dal non essere avvezzo a lavorare.

"Dovrebbe - tuona - ricordarsi che le procedure del CSM sono definite da una Legge Fondamentale che si chiama Costituzione". L'ex uno numero del Pd conclude dicendo che bisogna reagire a questo costante attacco alle istituzioni e "chi tace è complice".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto