La fase di stallo riguardo alla realizzazione della Tav Torino-Lione che in questi ultimi mesi ha aggrovigliato e diviso il governo M5S-Lega, sul quale aleggiava l'ombra di una crisi, è stata sbrogliata dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. E la sua posizione ha visto favorire il Movimento Cinque Stelle. Nella fattispecie, il premier ha dichiarato di voler ridiscutere integralmente il collegamento ferroviario Torino-Lione. "Il Governo - ha dichiarato il premier - ha intenzione di interloquire con la Francia e con l'Unione Europea alla luce delle più recenti analisi costi-benefici che abbiamo acquisito. E l'obiettivo è di non perdere i finanziamenti già stanziati".

La lettera alla Telt

Per mezzo di una lettera, il Presidente del Consiglio ha invitato la Telt, la società italo-francese incaricata dei lavori, ad "astenersi, con effetti immediati, da qualsiasi ulteriore attività che possa produrre vincoli economici e giuridici per lo Stato italiano con riguardo ai bandi di gara".

Nella stessa epistola Giuseppe Conte, facendo leva sugli impegni sottoscritti nel contratto di governo dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega di Matteo Salvini, sottolinea che "le considerazioni politiche ci impongono di rivalutare la realizzazione dell'opera".

Conte chiarisce ancora che i pilastri dell'attuale governo sono la tutela dei cittadini e la trasparenza "per non lasciarsi condizionare dalle pressioni di gruppi di potere o da comitati d'affari". "Fino a quando questo Governo sarà in carica - continua il premier - Sarà sempre così".

La risposta della Telt

Dal canto suo, la Telt, come ha chiarito lo stesso premier, ha assicurato di non procedere con i capitolati di gara senza il nullaosta del governo gialloverde e di quello francese precisando, peraltro, che questo sarà un periodo durante il quale si limiterà a svolgere attività preliminari.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica Matteo Salvini

Ma c'è dell'altro. Il direttore generale della società italo-francese Mario Virano dichiara che "la pubblicazione dei bandi di gara relativa ai lavori principali è stata sì rinviata, ma con l'invito a salvaguardare i finanziamenti europei. Perciò un nuovo rinvio oltre marzo comporterebbe la riduzione della sovvenzione europea di 300 milioni e ciò rischierebbe di chiamare in causa la nostra responsabilità civile e amministrativa quale conseguenza dell'inerzia decisionale". A questo punto, la Telt parla di un doppio binario.

"Abbiamo previsto - annuncia il direttore generale della Telt - che il Consiglio di Amministrazione fissato per l'11 marzo autorizzi la Direzione a pubblicare gli inviti a presentare candidatura per gli interventi dei lotti francesi del tunnel di base, per rispettare il termine del 31 marzo per la presentazione alla Commissione del finanziamento per l'anno 2019".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto