La Lega di Matteo Salvini e il Pd di Nicola Zingaretti potrebbero governare tranquillamente insieme, se non fosse per i toni troppo accesi utilizzati dal leader leghista in tema di immigrazione. È questa l’idea che si è fatto Marco Travaglio. Certo, quella del direttore del Fatto Quotidiano potrebbe sembrare a prima vista una provocazione ma, andando a leggere l’editoriale pubblicato oggi, martedì 18 giugno, sul suo giornale, si scopre che le cose non stanno proprio così e che i punti in comune tra i verdi e i rossi non sono poi così pochi.

Pubblicità
Pubblicità

Travaglio fa anche alcuni esempi: i tre milioni di euro “regalati” a Radio Radicale, l’accordo tra i due partiti in Piemonte per dire si al Tav Torino-Lione, le altre Grandi Opere, le grandi navi a Venezia, la contrarietà alla legge Anticorruzione voluta dal M5S, il no al reddito di cittadinanza e persino la politica estera.

Per Marco Travaglio possibile un esecutivo Salvini-Zingaretti

Sta suscitando un vespaio di polemiche l’ultimo editoriale di Marco Travaglio, apparso sul Fatto Quotidiano martedì 18 giugno.

Pubblicità

Già dal titolo, ‘La Grande Colazione’, si capisce dove voglia andare a parare il giornalista allievo di Indro Montanelli. La domanda che si pone lui stesso è diretta e senza possibilità di fraintendimenti: “Ma se il Pd, finiti i popcorn e persi altri voti, comuni e regioni, scendesse dall’Aventino per impalmare la Lega?”. Lui che ha sempre creduto che l’unica alternativa all’attuale governo gialloverde fosse un’alleanza tra il M5S e quello che descrive con un “centrosinistra totalmente rinnovato”, ora sembra rassegnato e costretto a ricredersi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pd Lega Nord

Il motivo risiede nel fatto che “a furia di riciclare vecchie pantegane e vecchissime pratiche, il Pd sta diventando il partner perfetto per l’altro partito stravecchio e ultrastagionato”, ovvero il Carroccio salviniano.

L’elenco di tutti i punti in comune tra Lega e Pd

L’unico vero ostacolo a questo matrimonio politico, spiega Marco Travaglio, sarebbe il tema dell’immigrazione. Non tanto per il tipo di politica adottato dall’attuale inquilino del Viminale, molto simile a quella del suo predecessore Dem Marco Minniti, quanto per “i toni e le parole” utilizzati da Salvini.

Per il resto si tratterebbe di una corrispondenza di amorosi sensi. Pd e Lega, ad esempio, si sono trovati in assoluto accordo sul salvataggio con soldi pubblici di Radio Radicale. Anche a Torino si sarebbe formata una “grande coalizione” tra i due partiti “con le marcette delle madamine e dei loro mandanti per il Tav”. Stesso discorso vale per inceneritori, Tap, Terzo valico, trivelle petrolifere e concessioni autostradali.

Pubblicità

Per non parlare del passaggio delle grandi navi a Venezia e della cosiddetta “autonomia differenziata” per le regioni del Nord, “innescata” da entrambi. Accordo quasi totale tra Lega e Pd anche in tema di Giustizia, contro le intercettazioni e il decreto Anticorruzione. Sulle politiche sociali e sulla politica estera, poi, rossi e verdi sembrano andare a braccetto contro tutti i provvedimenti pentastellati: reddito di cittadinanza, salario minimo, riposo domenicale dei supermercati, si agli F35, appoggio incondizionato al “golpista” Guaidò in Venezuela.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto