Dopo avervi dato alcuni chiarimenti sul legame tra esercizio fisico e colesterolo, in quest'articolo ci occuperemo dell'effettiva relazione tra attività sportiva e colesterolo. Nel flusso sanguigno tutti i grassi vengono contenuti in due tipi di lipoproteine, ovvero delle particelle che hanno la funzione di trasportare i lipidi nei diversi tessuti.

Le lipoproteine a bassa densità (LDL), conosciute anche come "colesterolo cattivo",quando sono in eccesso possono depositarsi alle pareti delle arterie dando forma ad una placca, definita ateriosclerotica, che comporta una diminuzione del diametro e della flessibilità del vaso sanguigno, diventando un ostacolo per la circolazione del sangue.

Invece le lipoproteine ad alta densità(HDL), dette anche "colesterolo buono", agiscono come una sorta di "spazzini", capaci di raccogliere ilcolesterolo in eccesso, portandolo verso il fegato. Questo composto, in un secondo momento, viene assimilato negli acidi biliari, versato nuovamente nell'intestino, e una parte residua viene espulsa attraverso le feci.

I livelli di colesterolo nel sangue dipendono da diversi fattori. Parte del colesterolo viene infatti sintetizzato dal fegato, mentre un’altra parte viene introdotta con il cibo. Inoltre alcuni nutrienti possono influenzare le quantità dei diversi tipi di colesterolo: i grassi saturi, ad esempio, promuovono l’aumento di quello “cattivo”. Ma c’è anche un altro fattore che può influenzare il colesterolo nel sangue: l’attività fisica. Scopri di più grazie ai consigli del medici del Policlinico "A. Gemelli" nell'iniziativa Viaggio al Cuore del Problema, powered by Danacol.

Qual è la relazione tra esercizio fisico e colesterolo?

È stato confermato che praticare 10 minuti in più di attività fisica al giorno consente di innalzare l'affluenza delle HDL di 1,4/dl.

Inoltre è stato rilevato che, mediamente, basta un piano di esercitazione adeguato per accrescere il colesterolo buono del 4,6%. È possibile che l'esercizio fisico abbia una reazione ottimale sulla riproduzione di vari enzimi responsabili del trasporto del colesterolo verso il fegato. È importante sottolineare che livelli alti di HDL sono un segnale di una condizione cardiovascolare ottimale, e innalzarli con l'attività fisica può favorire la salvaguardia di arterie e cuore.

Più si praticano discipline sportiveaerobichecome nuoto, ciclismo, canottaggio, sci e running, e più aumenta la quantità di HDL, a danno degli acidi grassi. Una delle migliori tattiche per contrastare i rischi dell'obesità e del colesterolo cattivo è praticare esercizio fisico almeno tre volte alla settimana, per un'ora senza interruzione, facendo attenzione che il ritmo cardiaco abbia una frequenza di circa 100/120 battiti al minuto.

In poche parole, azionare il corpo con della ginnastica significa riacquistare la Salute psicofisica.

Se desiderate rimanere regolarmente aggiornati e informati sullenotizie di medicina, vi basta cliccare il pulsante "Segui",in alto a destra, vicino al nome dell'autore.