La situazione relativa alla diffusione del Coronavirus a livello mondiale, in continua evoluzione, sta determinando nuove misure di contenimento in diverse aree del mondo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ieri lo stato di pandemia, gli Stati Uniti D'America hanno così bloccato per 30 giorni il traffico aereo dall'Europa. Nel frattempo è aumentato il numero dei contagiati, tra questi anche diversi sportivi professionisti.

Inevitabili quindi gli stop di alcuni campionati in tutto il mondo.

In ambito calcistico, dopo la serie A italiana, anche la Liga spagnola ha deciso di sospendere la stagione con effetto immediato, mentre in Francia, almeno per ora, il campionato proseguirà a porte chiuse.

Coronavirus, si fermano Serie A, NBA e Liga

Sorte analoga alla Serie A è toccata all'NBA, il campionato di Basket americano, di gran lunga il più popolare e seguito al mondo, sospeso ieri dopo l'esito positivo del tampone effettuato sul cestista francese Rudy Gobert, attualmente sotto contratto con gli Utah Jazz, che aveva mostrato sintomi influenzali.

Tutta la squadra del transalpino è stata repentinamente messa in quarantena, analogamente tutti i team che hanno affrontato gli Utah Jazz negli ultimi dieci giorni.

Il video di Gobert che ironizza sul Coronavirus fa il giro del mondo

A far discutere in queste ore, occupando i titoli dei giornali di tutto il mondo, è un video dei giorni scorsi. Nella clip, realizzata durante una conferenza stampa, è possibile notare Gobert prendersi gioco delle direttive di sicurezza già in atto per contenere il contagio, ironizzando e toccando ripetutamente con le mani i vari microfoni dei giornalisti, suscitando anche qualche risata da parte dei presenti.

Al cestista era stato chiesto un parere sulle direttive attuate per contenere la diffusione del Coronavirus negli Stati Uniti.

In Italia Inter e Juventus in isolamento, l'UEFA rinvia la decisione sullo stop al 17 marzo 2020

In Italia il primo calciatore positivo al Coronavirus è Daniele Rugani della Juventus. Il team bianconero è quindi in isolamento volontario da ieri, così come l'Inter, che aveva affrontato la squadra torinese sabato scorso.

Rugani è allo stesso tempo il primo calciatore impegnato nella Champions League ad essere stato trovato positivo al Coronavirus. A questo punto è ancora più plausibile – l'ipotesi era già stata paventata nei giorni scorsi, prima del contagio del difensore – che la massima competizione calcistica a livello europeo per club venga sospesa. La decisione verrà però ufficializzata il prossimo 17 marzo.

La giornata di Europa League prevista per oggi si svolgerà quindi regolarmente, fatta eccezione per l'assenza delle squadre italiane impegnate nella competizione, ovvero Inter e Roma. La decisione, o meglio, la mancata decisione dell'UEFA, sta generando molte proteste, soprattutto in ambito italiano.

Segui la nostra pagina Facebook!