Nicholas Roche ha annunciato nelle scorse ore il proprio ritiro dal circuito professionistico. A dare la notizia è stato lui stesso, che ha scelto di effettuare la comunicazione ai microfoni di CyclingNews. Roche, in questa ultima stagione, ha corso per il team della DSM, mostrando comunque una buona condizione fisica.

'L'idea del ritiro in mente dopo il Giro d'Italia'

L'ex atleta ha esordito ammettendo che la decisione del ritiro è stata "la più difficile ma allo stesso tempo la più facile" che abbia mai preso. Roche ha infatto sottolineato la sua fortuna per aver avuto la possibilità di trascorrere del tempo con alcuni di quelli che ha definito essere "i migliori ciclisti al mondo, passati e presenti".

L'irlandese ha poi continuato il suo messaggio, affermando di aver sempre pensato di correre "il più a lungo possibile". Tuttavia, la decisione di ritirarsi è stata inevitabile ed è arrivata tra la fine di agosto e l'inizio del settembre scorso. Ovviamente, come ha precisato lo stesso Roche, la scelta del ritiro non è arrivata "da un giorno all'altro", confessando come fosse nella sua mente già al termine dell'ultimo Giro d'Italia. La consapevolezza che ha portato al ritiro di Roche è quella per la quale "Il gruppo sta diventando più giovane e il mondo del Ciclismo sta cambiando".

Una carriera prestigiosa per Roche, condita dalla presenza a ben quattro edizioni dei Giochi Olimpici

Roche ha poi concluso il suo messaggio, ammettendo di aver avuto anche nell'ultima stagione "un buon livello".

Nonostante questo, comunque, l'ex corridore ha voluto concludere la sua carriera "alla grande", senza terminare cioè in fondo al gruppo: "Mi sono reso conto che nella vita c'è anche dell'altro oltre al ciclismo".

Una carriera, quella di Roche, lunga e prestigiosa. L'esordio è arrivato nel 2005, quando il ciclista ha fatto il suo debutto tra i professionisti correndo per il team della Cofidis.

Durante i suoi 17 anni di attività, il corridore ha partecipato alla bellezza di 22 grandi Giri, tra cui cinque edizione del Giro e dieci del Tour de France. Grandi soddisfazioni, per Roche, sono arrivate nel 2015/2016, quando con la maglia del Team Sky ha vinto una tappa della Vuelta di Spagna, vincendo poi anche due prove dei campionati nazionali irlandesi (nella prova in linea e nella cronometro).

A dimostrazione di quanto la carriera di Roche sia stata importante vi sono le sue partecipazione alle Olimpiadi, ben quattro. Con la maglia dell'Irlanda, infatti, l'ex ciclista ha preso parte a Pechino 2008, a Londra 2012, a Rio 2016 e a Tokyo 2020, dove si è classificato al 75° posto nella prova in linea e al 28° nella prova a cronometro.