A breve inizieranno le scadenze per la presentazione della #Dichiarazione dei redditi 2014. Che si tratti di modello 730 o di Unico, per il calcolo dell'#Irpef hanno rilevanza le attuali aliquote e scaglioni esistenti.

Renzi ha lasciato intendere che pensa di apportare alcune modifiche alle aliquote vigenti, ma fino ad allora vi riportiamo le attuali aliquote IRPEF 2013 - 2014 e gli scaglioni di calcolo.

730 e Unico: aliquote e scaglioni IRPEF 2013 - 2014

1° scaglione: ai redditi che vanno da 0 a 15mila euro viene applicata l'aliquota del 23% (reddito mensile medio al di sotto di 1.250 euro). 


scaglione: ai redditi che vanno da 15mila euro a 28mila euro viene applicata l'aliquota del 27% (reddito mensile medio al di sotto di 2.335 euro).



scaglione: ai redditi che vanno da 28.001 euro a 55mila euro viene applicata l'aliquota del 38% per la parte eccedente i 28mila euro (reddito mensile medio al di sotto di 4.583 euro).



scaglione: ai redditi che vanno da 55.001 euro a 75mila euro viene applicata l'aliquota del 41% per la parte eccedente i 55mila euro (reddito mensile medio al di sotto di 6.250 euro).



scaglione: ai redditi che vanno da 75.001 euro in su viene applicata l'aliquota del 43% per la parte eccedente i 75mila euro (reddito mensile medio superiore a 6.250 euro).

Naturalmente esiste anche una fascia di esenti dal calcolo dell'Irpef.

730 e Unico, aliquote e scaglioni IRPEF : chi deve fare il calcolo

Il calcolo che stabilisce l'imposta IRPEF da versare viene effettuato non dal contribuente, ma dal sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), dal commercialista o da chi presta assistenza fiscale. Ricordiamo che quest'anno il modello 730 può essere presentato anche da chi non ha il sostituto d'imposta.