Tra i protagonisti dell'ultimo Festival di Sanremo vi è anche Livio Cori che quest'anno ha partecipato alla kermesse musicale in coppia con Nino D'Angelo. Il duo, però, è al centro della ribalta non tanto per il brano che hanno portato in queste ore sul palco dell'Ariston, bensì per il mistero che aleggia intorno a Livio Cori: in molti, infatti, sostengano che sia Liberato, il cantante partenopeo che non si fa vedere.

La perizia su Livio Cori, nel libro di Valentino la prima conferma: il canto coincide con quello di Liberato

Il professor Ugo Cesari è uno dei tanti artisti ed esperti del mondo musicale che il giornalista Gianni Valentino aveva intervistato durante le ricerche svolte per il suo libro ''Io non sono LIBERATO'', pubblicato nel novembre 2018.

Proprio in uno dei capitoli di questo libro il giornalista aveva, con l'aiuto di Cesari, analizzato la voce di almeno 7 cantanti (tra cui Ivan Granatino, Francesco Di Bella, Emanuele Cerullo e Lele), trovando una corrispondenza proprio con Livio Cori.

Dalla ricerca spettografica condotta da Cesari e Valentino nell'aprile 2018, il fonico giunse alla conclusione che il canto di Livio Cori coincideva con il canto delle canzoni di Liberato.

Pubblicità

Un annuncio che ovviamente aveva sorpreso i tantissimi fan, i quali però già da qualche tempo avevano cominciato a nutrire dei dubbi e dei sospetti sull'identità di Livio Cori.

I sospetti dei fan su Livio-Liberato

In particolar modo non era passato inosservato il fatto che Livio si divertisse ad assumere nelle foto postate sui social le stesse pose assunte da Liberato. In moltissimi avevano avallato il sospetto che dietro al cappuccio del cantautore senza identità si celasse proprio il giovane rapper e attore napoletano che quest'anno si è messo in gioco a Sanremo al fianco di Nino D'Angelo.

Va detto, però, che in questi giorni in cui è stato a Sanremo, Livio Cori ha sempre smentito le voci che circolavano su questa sua identità misteriosa, gettando al mittente le domande di chi sosteneva che in realtà fosse Liberato. Il cantante è apparso anche piuttosto seccato dal paragone che veniva fatto nei vari programmi televisivi ma, a quanto pare, i risultati della perizia fonica non sarebbero dalla sua parte.

Correzione (10-02-2019): In una precedente versione di questo articolo si riportava la notizia della perizia svolta dal fonico Ugo Cesari sul cantante Liberato, come se fosse attuale. La notizia risale in realtà al novembre 2018, quando Cesari venne intervistato dal giornalista Gianni Valentino, per il suo libro ''Io non sono LIBERATO''. Ci scusiamo con i nostri lettori.