La settima giornata del campionato di Serie A si concluderà questa sera con il posticipo Sampdoria-Spal. In attesa del risultato di Marassi, spicca la cavalcata solitaria della Juventus. I bianconeri hanno ottenuto sette vittorie in sette gare e hanno sei punti di vantaggio sul Napoli secondo, con cinque squadre subito dietro e pronte ad approfittare di eventuali passi falsi dei partenopei.

Nei quartieri alti troviamo Sassuolo e Genoa

Dopo la vittoria di sabato contro il Napoli, per la Juventus è arrivato il primo allungo in campionato.

Ai nastri di partenza tutti sapevano della forza dei bianconeri, ma nessuno poteva aspettarsi che dopo sette giornate la Juventus fosse già a quota 21 punti, vale a dire punteggio pieno. Negli anni passati la squadra di Allegri non era sempre partita a razzo e anzi in diverse occasioni nelle prime gare tendeva a lasciare punti per strada, con distrazioni a tratti incredibili. Quest'anno c'è un Cristiano Ronaldo in più e l'impressione che la conquista dello Scudetto dipenda solamente dalla squadra torinese.

La situazione più interessante si è creata proprio alle spalle della Juventus. Ed è quello il vero tema caldo che potrebbe regalare questo campionato, in quanto ci sono diverse squadre pronte a contendersi le piazze d'onore di questa emozionante Serie A. Il Napoli in sette gare ha ottenuto cinque vittorie a fronte di due sconfitte, dimostrando una crescita incoraggiante nelle ultime settimane. Il bello viene proprio alle spalle dei partenopei: Fiorentina, Inter e Sassuolo sono a quota 13, Genoa e Lazio a 12 e Roma subito dietro a quota 11.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus Serie A

Una bagarre interessante e incerta, che sta regalando molte emozioni ai tanti appassionati di calcio. Nelle prime sette posizioni della graduatoria spiccano la presenze di Sassuolo e Genoa, rispettivamente al quinto e sesto posto. Il Sassuolo ha un punto in più rispetto ai grifoni, anche se non bisogna dimenticare che la squadra di Ballardini ha una gara in meno. Tra le due compagini troviamo calciatori di tutto rispetto. Basti considerare che nel Genoa giocano Pandev, Criscito e il capocannoniere a sorpresa Piatek. Nel Sassuolo troviamo gente del calibro di Boateng, Berardi e Di Francesco Jr, con un allenatore giovane ed ambizioso come Roberto De Zerbi.

Chievo e Frosinone le vere delusioni

Il Frosinone sperava in un ritorno in massima serie non così traumatico, visto che in sette gare ha collezionato un solo punto. Sei sconfitte e tantissime reti subite, con una sola rete all'attivo realizzata nella giornata di ieri su rigore da Ciano. Numeri impietosi che confermano che per i ciociari sarà dura mantenere la categoria, anche se all'appello mancano ancora 31 giornate di campionato.

Non se la passa meglio il Chievo di Lorenzo D'Anna. I clivensi sono partiti con un -3 in classifica e hanno collezionato solamente due pareggi in sette gare, subendo addirittura cinque sconfitte.

La classifica dice -1 per via della penalizzazione e l'impressione è che il Chievo sia bloccato mentalmente. I calciatori di qualità non mancano e la rosa non è da ultima posizione, anche se al momento i numeri dico tutt'altro. Serve una reazione immediata. Già a partire dalla durissima sfida di domenica a San Siro contro il Milan, match nella quale i veneti dovranno tornare per forza di cose a fare punti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto